Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 21 Novembre 2019
140_lapineta.jpg010_bluesea.jpg180_winet.jpg020_idrovelox.jpg030_solazzo.jpg045_vcn.jpg120_duesse.jpg040_compasso.jpg
La caserma "Nacci" accoglie le scuole

La caserma "Nacci" accoglie le scuole

Caserme aperte a Lecce per celebrare la festa dell’Unità nazionale e delle Forze Armate. L’iniziativa promossa dal 31° reggimento carri di stanza nella caserma “Nacci” ha visto la partecipazione dele classi quinte della Scuola Primaria dell’Istituto “Filippo Smaldone” di Lecce.

A guidare i piccoli scolari, emozionati e incuriositi per l’esperienza all’interno della sede leccese del reggimento, c’erano il Tenente Colonnello Giuseppe Laudisa e il Capitano Sandro Santoro. Gli alunni, schierati al fianco dei militari, hanno partecipato al momento solenne del cerimoniale, l’Alzabandiera, cantato l’Inno di Mameli, visitato una mostra statica dei sistemi d’arma e degli equipaggiamenti, toccato con mano lanciarazzi, ricetrasmittenti e il carro Blindo centauro che i militari impiegano in addestramento e in operazioni, osservato una dimostrazione sulle tecniche di difesa personale con il metodo di combattimento militare (MCM) e visionato un video educativo sui valori dell'essere militare, sul significato del tricolore e sui compiti fondamentali della Forza Armata fuori dal territorio nazionale, in patria ed in concorso per le pubbliche calamità.

All’iniziativa “caserme aperte”, che è proseguita per tutto l’arco della giornata, hanno partecipato inoltre diverse associazioni, delegazioni, amministratori locali, ex militari e tanti altri ospiti che, accomunati dal sentimento di orgoglio nazionale, hanno contribuito a mantenere viva la memoria degli eroi della “Grande Guerra”, di quei giovani soldati che dopo tre anni e mezzo di sanguinosi combattimenti, completarono il processo di unificazione italiana.

090_liaci.jpg160_mq.jpg080_rosetta.jpg170_pneumatic.jpg130_solazzo.jpg030_ortokinesis.jpg100_vetrugno.jpg070_annaluce.jpg110_deplint.jpg