Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 03 Dicembre 2022
180_winet.jpg031_quarta.jpg020_idrovelox50.jpg040_compasso.jpg250_av.jpg240_guida.jpg200_carrozzo.jpg110_deplint.jpg010_bluesea.jpg210_mondofiori.jpg
"PiantiamOli": il Comune di Carmiano dona 3mila ulivi

"PiantiamOli": il Comune di Carmiano dona 3mila ulivi

Una distesa di circa 3mila alberi d’ulivo saranno acquistati e donati dal Comune di Carmiano ai cittadini per essere piantati e riforestare le campagne colpite da xylella, con il progetto “PiantiamOli”. Dal raccolto, l’obiettivo è produrre nel corso degli anni un olio “comunitario” a marchio locale per una filiera auto-sostenibile.

L’iniziativa è partita nei giorni scorsi, con la delibera di giunta dell’amministrazione Erroi, su proposta dell’assessore alle attività economiche e produttive Camillo Villani Miglietta, e prevede l’impegno di spesa di 20mila euro.

Il progetto prevede l’assegnazione gratuita di piante d'olivo ai piccoli proprietari e conduttori di fondi agricoli ubicati nel territorio dell’agro di Carmiano e della frazione di Magliano, che non hanno già usufruito di misure di sostegno nazionale o regionale all’eradicazione e reimpianto di piante resistente al batterio della xylella.

“L'iniziativa ha come scopo il sostegno all'economia agricola locale e la riqualificazione del paesaggio agrario – afferma l’assessore Villani Miglietta - intervenendo sul patrimonio storico, culturale e di pregio naturale rappresentato dagli oliveti, in seguito alla devastazione paesaggistica causata dalla Xylella fastidiosa e gli incalcolabili danni alla filiera olivicola-olearia, Troppo poco è stato fatto a livello nazionale – prosegue - lasciando ogni incombenza al Ministero dell'Agricoltura, senza considerare che la devastazione del nostro territorio tocca temi fondamentali quali la salute, l'ambiente, il turismo, le attività economiche; al tempo stesso, la Regione Puglia si è impantanata sul tema della diversificazione. Per questo motivo, con questa misura, cerchiamo a livello locale di dare una piccola speranza di rigenerazione al territorio carmianese”.

L’avviso pubblico per partecipare a “PiantamOli” sarà adottato entro fine novembre e conterrà le informazioni circa i beneficiari dell'iniziativa, numero di piante, tempi di consegna, prescrizioni e requisiti per accedere alla donazione. L'assegnazione avverrà sulla base di una graduatoria tra le istanze pervenute e dovrà tener conto dell’età (privilegiati saranno gli under40), delle caratteristiche del richiedente, della dimensione dell'intervento. In sostanza, sarà data priorità ai giovani ed agli interventi riguardanti i piccoli appezzamenti di terreno. Al contrario, non saranno ritenute ammissibili le domande presentate da chi ha già usufruito di aiuti pubblici provenienti dal piano straordinario di rigenerazione olivicola della Puglia.

Inclusa nell’iniziativa inoltre la collaborazione tra amministrazione comunale e beneficiari per la produzione di olio a marchio locale. “Parte integrante dell’avviso ed azioni da sviluppare nei prossimi anni per dare sostanza e continuità all'iniziativa – sottolinea Villani Miglietta - riguarderanno l’attivazione di corsi di formazione per la gestione dei nuovi impianti, corsi di potatura, sottoscrizione di un accordo con i beneficiari della misura per il conferimento di parte del prodotto per una molitura comunitaria, la creazione di un marchio e di una De.Co. carmianese”. Gli alberi di ulivo saranno consegnati in due fasi successive, tra la primavera e l’autunno del prossimo anno.

030_ortokinesis.jpg080_rosetta.jpg110_deplint.jpg090_liaci.jpg170_pneumatic.jpg025_martena.jpg220_puscio.jpg045_vcn.jpg100_vetrugno.jpg070_annaluce.jpg030_solazzo.jpg