Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 18 Luglio 2019
045_vcn.jpg135_pati.jpg120_duesse.jpg020_idrovelox.jpg030_solazzo.jpg010_bluesea.jpg140_lapineta.jpg040_compasso.jpg180_winet.jpg

La cantina “Fabio Cordella” di Copertino premiata dal critico enologico mondiale James Suckling. Ben sei i vini giudicati positivamente dall’autorevole esperto americano, le cui valutazioni sui vini affascinano non solo gli intenditori ma rappresentano anche un punto di riferimento per collezionisti e produttori.

L’azienda del manager Cordella, ha deliziato il fine palato di Suckling con “i vini dei campioni”, un dream team enologico prodotto in Salento tra i vigneti di Copertino, Novoli e Salice Salentino ed abbinato ai volti di celebri campioni dello sport. Tutti punteggi altissimi: 93 su 100 la valutazione per i rossi “Sneijder 2015”, “Clemente Russo 2013”, “Buffon 2013”, “Vincent Candela 2015”, “Zamorano 2015”. Un punto in più, 94/100, per il primitivo “Ronaldinho 2015”. Etichette apprezzate anche al ProWine di Düsseldorf in Germania e al Vinitaly a Verona.

Altro importantissimo riconoscimento per la cantina vitivinicola salentina, sbarcata recentemente a Wuhan in Cina, col progetto “Itaway”, è giunto dalla guida di settore “Vini da scoprire”, che ha inserito tra i prodotti top: "Totò Salento" primitivo, "Don Fabio" Negroamaro in purezza con punteggio 97/100, primitivo di Manduria DOP “Miccoli” con 98/100 e “Oscar 2015” rosso DOP, blend Negroamaro/Malvasia nera di Lecce, firmato Cantina Fabio Cordella, col punteggio 99/100.

Published in Attualità
Martedì, 13 Novembre 2018 18:18

"Miccoli rosso Primitivo" sbarca in Cina

“Fabrizio Miccoli” è la nuova firma nella produzione vitivinicola della Cantina Cordella di Novoli. Il “Romario del Salento” con il “suo” Primitivo in purezza, da 14,5 gradi di alcol, entra a far parte del dream team della “Carta dei vini” ideata dall’imprenditore e direttore sportivo Fabio Cordella.

I due salentini, accomunati dalla passione per il calcio e il vino rosso, sbarcano in Cina, ospiti dell’associazione “Desa Sommelier”, alla conquista del “ProWein”, la fiera internazione dei vini e dei distillati in programma a Shanghai, da oggi sino a giovedi 15 novembre.

Il “Fabrizio Miccoli”, con il numero 10 stilizzato in etichetta, è un vino rosso ottenuto da uve di primitivo di Manduria, affinato in barrique di rovere per 24 mesi, che continua il suo processo di maturazione in bottiglia per altri 12 mesi.

L’ex fuoriclasse di Lecce, Palermo, Benfica e Juventus, è il sesto innesto, in un progetto di “squadra”, nato tra i vitigni doc di Salice, Copertino e Novoli, che annovera le collaborazioni di campioni acclamati ed ex protagonisti del calcio internazionale come Buffon, Snejder, Zamorano, Ronaldinho e Candela.

“Con l’ingaggio di Fabrizio Miccoli, aggiungiamo una nuova stella alla “carta dei vini” e proseguiamo nell’attività di promozione del made in Puglia in Oriente, - sottolinea il produttore Fabio Cordella. Rispetto agli altri calciatori, con Fabrizio ci concentreremo sulla produzione di vino rosso e nei prossimi mesi avvieremo delle collaborazioni con altre aziende per realizzare delle bottiglie di “Amarone”, “Brunello” e “Barolo”.

Soddisfatto della qualità del prodotto che porta il suo nome, si dice anche Miccoli: “E’ un rosso primitivo intenso, che rappresenta al meglio la mia personalità da sportivo del sud”.

Published in Eventi

La chiamano l’estate di San Martino. Nel Salento il clima è dolce e si brinda con il Novello. Per festeggiarlo arrivano giornalisti da Berlino, Monaco, Milano, Catania e Napoli, ospiti del #58moeducational progettato da Carmen Mancarella, per conto dell’Unione dei Comuni Union3, composta da 8 paesi:  Arnesano, Carmiano, Copertino, Leverano, Lequile, Monteroni, Porto Cesareo e Veglie e che hanno vinto il Bando Iniziative di Ospitalità della Regione Puglia – Assessorato alle industrie turistiche e culturali.

Il progetto ruota intorno all’estate di San Martino e all’usanza, tipica salentina di festeggiare l’11 novembre nelle case o nei ristoranti, tra amici, bevendo il buon vino novello, una tradizione che sta contagiando ormai tutta Italia e che viene festeggiata in grande stile con l’evento, NOVELLO IN FESTA, a Leverano. Al centro del tour ci sarà un percorso enogastronomico che porterà i giornalisti a scoprire le eccellenze del territorio. I giornalisti visiteranno non solo beni monumentali e paesaggi naturalistici, ma anche cantine e aziende di eccellenza del campo enogastronomico, frutto di quel saper fare tutto salentino.

Il viaggio, venerdi 9 farà tappa a Carmiano e durerà fino a domenica 11 novembre. In collaborazione con l’assessorato alla cultura guidato da Stefania Arnesano, gli ospiti seguiranno un percorso tra “arte, cultura e promozione” del nostro territorio.

Domattina alle 9, il tour prenderà il via da Cantina Petrelli, in compagnia degli alunni della scuola elementare di Magliano, per il progetto “San Martino ogni mosto diventa vino”. A seguire, visita da Tenuta Verola, all'antica Chiesa dell’Immacolata, poi Pasticceria Perrone, e ritorno a scuola per il progetto “Autunno in festa”. Il percorso enogastronomico preseguirà da Panificio Rosetta, al Ristorante Villa Maresca per pranzo e degustazione dei vini Vaglio Massa e infine visita in cantina per l’assaggio del vino passito accompagnato dai dolci della Pasticceria Perrone.

“Siamo grati alla Regione per averci dato questa opportunità”, dice il presidente di Union3, Marcello Rolli. “Siamo felici di ospitare giornalisti tedeschi e italiani, invitati dalla giornalista Carmen Mancarella. Il nostro territorio è ricco di attrattive tutto l’anno: offre infatti sempre divertimento, escursioni naturalistiche, itinerari culturali che sono godibili sempre, a maggior ragione in bassa stagione, quando si può assaporare tutto, con maggiore calma. Infine, l’unica via per destagionalizzare veramente il turismo è quella di far conoscere la nostra terra sempre di più a stranieri, semplicemente perché hanno vacanze scaglionate durante tutto l’anno”.

Published in Eventi

Successo della mostra Vino&gioielli nell’antichità e nella storia dell’Uomo, organizzata per due giorni nel castello di Acaya. Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato imprenditrici, professioniste, autorità, magistrati giornalisti, turisti stranieri e italiani, presidenti di Associazioni culturali del territorio e persino studenti, apprezzando molto l’evento.

La mostra, ideata da Carmen Mancarella, direttrice della rivista Spiagge, è stata un omaggio all’arte orafa di Michele Affidato e ai vini Conti Zecca. Direttrice artistica Oronzina Malecore, direttore del castello di Acaya, Gigi De Luca.

L’obiettivo? Riattualizzare il messaggio che ci hanno lasciato gli antichi nelle loro tombe, i quali attraverso i loro corredi funerari ci hanno trasmesso i ricordi più belli di tutta la loro vita, quasi a voler dire: “Sono morto, ma sono stato felice”, messaggio divenuto poi il tema della mostra. Infatti nelle tombe sono stati trovati i crateri, con cui da vivi avevano bevuto il vino con gli amici, mescolato con acqua e miele, quindi… il ricordo delle cene, del convivio, delle serate trascorse a chiacchierare magari sotto le stelle e … i gioielli che ieri come oggi segnavano i momenti più importanti della vita: matrimoni, nascite, incoronazioni… ma erano anche il simbolo di un importante status sociale!

A fare da straordinario contenitore è stata la Mostra Roca nel Mediterraneo, custodita nel castello di Acaya, progettato da Giangiacomo dell’Acaya, l’architetto militare che ha firmato anche l’imponente castello di Crotone, città da cui proviene il maestro orafo Michele Affidato, che si ispira all’arte orafa magno-greca e Bizantina.

INTERVISTA CON MICHELE AFFIDATO - “Qui nella mostra abbiamo voluto presentare un escursus storico, che va dalla Magna Grecia fino all’arte bizantina”, spiega il maestro. “Sui miei gioielli realizzati con metallo pregiato vengono incastonati diamanti, perline e pietre preziose. Il tema della mostra è stato per me fonte di ispirazione: ho realizzato una parure tutta di foglioline di vite d’oro, lavorate a mano con ametiste dal colore viola, che ricordano il colore dell’uva, per fare un omaggio alla viticultura italiana e quindi alla Cantina Conti Zecca”.

INTERVISTA CON CLEMENTE ZECCA - “Abbiamo aderito con entusiasmo all’idea di essere i protagonisti di questa interessante mostra assieme all’eccellente maestro orafo Michele Affidato”, dice Clemente Zecca della Cantina Conti Zecca. “Da sempre il vino ha accompagnato la vita dell’uomo. Ad esso anzi veniva riconosciuta una funzione magica. Gli antichi attribuivano quasi ad una magia la trasformazione da mosto in vino. Qui abbiamo esposto le etichette storiche dei Conti Zecca, alcune delle quali sono state prodotte nei primi anni del ‘900”.

Ospite d’onore per il taglio del nastro e una breve conferenza stampa di presentazione, è stato Ugo Pugliese, presidente della Provincia di Crotone, che ha patrocinato la mostra: “La nostra città è eccellenza dell’arte orafa italiana grazie ai maestri del livello di Michele Affidato”, dice il presidente. “La nostra Crotone, che era importante città della Magna Grecia e il Salento hanno tantissimi legami di carattere storico e culturale, che intendiamo intensificare e coltivare”.

Il presidente della Provincia di Crotone è stato accolto dal sindaco di Vernole Franco Leo e dall’assessore al marketing per Acaya, Salvatore Pichierri.

“Questa mostra”, dice l’assessore Pichierri, “rappresenta un grande momento di promozione della nostra splendida città di Acaya che Giangiacomo concepì come la città ideale del Rinascimento per la sua perfezione urbanistica”.

Ad accogliere il presidente della Provincia di Crotone c’erano anche il sindaco di Taurisano, Raffaele Stasi, l’assessore alla cultura di Copertino, Cosimo Lupo, il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, con cui il presidente Pugliese, che è anche sindaco della città di Crotone, ha firmato di recente un protocollo di intesa e di promozione reciproca.

La mostra ha ottenuto il partenariato di cdshotels, trattoria Acaya e Luminarie De Cagna oltra che a numerose associazioni culturali del territorio: Ars Nova, associazione musicale presieduta da Dolores Mancarella, Assa per la salvaguardia e lo sviluppo di Acaya, presieduta da Antonio Carlino, Lycianellum, un’associazione di giovani, presieduta da Gianmarco Mazzeo, SalentOpera, mirata a divulgare la cultura dell’opera lirica, patrimonio nazionale, presieduta da Rosanna Mancarella e Unione nazionale casalinghe e lavoratrici europee, presieduta da Maria Lucia Cillo.

Media Partner “Vivicittanews.it” giornale on line diretto da Andrea Tafuro.

Il Liceo scintifico Banzi, tramite la professoressa Presta, ha riconosciuto crediti formativi ai ragazzi che l’avessero visitata: sono arrivati nella seconda giornata numerosi studenti armati di telefonino per fare i video. E a sorpresa ecco l’ex vicepresidente della Provincia, Luigino Sergio che con il presidente Lorenzo Ria, hanno attuato il restauro del castello e il procuratore di Crotone, Giuseppe Capoccia.

PRINCIPESSE PER POCHI SECONDI

Infine le imprenditrici, le professioniste, le studentesse… hanno giocato a indossare i magnifici e preziosi gioielli del maestro Michele Affidato. La direttrice della rivista Spiagge aveva chiesto loro “il sacrificio” di arrivare all’evento vestite elegantemente per provare l’emozione di indossare i gioielli e diventare così principesse… sia pure per pochi attimi. Sorrisi ed entusiasmo alle stelle!

Published in Eventi

“Vino&gioielli nell’antichità e nella storia dell’uomo” in mostra oggi e domani nel Castello di Acaya.

Che cosa si portavano gli antichi nelle loro tombe? I ricordi più belli della loro vita: il cratere, con cui avevano bevuto il vino durante le cene con gli amici e i gioielli che allora come ora segnavano i momenti più belli della loro vita.

Nasce da queste considerazioni la mostra “Sono morto, ma sono stato felice, vino&gioielli nell’antichità e nella storia dell’uomo”, ideata dalla rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge, diretta da Carmen Mancarella con la direzione artistica di Ronzina Malecore e con il patrocinio della Provincia di Lecce e Crotone e dell’Istituto di Culture Mediterranee, Media partner “ViviCittaNews” e “Spiagge” e in partenariato con numerose associazioni del Salento.

I vini della Cantina Conti Zecca, tra le più antiche e prestigiose del Salento, saranno abbinati ai gioielli del maestro orafo di Crotone Michele Affidato, che ha firmato il diadema della Madonna di Cestokova. Affidato è anche l’orafo ufficiale dei Premi della Sezione Speciale di Sanremo.

Appuntamento oggi alle 18.00 nel castello dell’Acaya per l’inaugurazione della mostra, che sarà poi visitabile anche per tutta la giornata di sabato 6 ottobre dalle 10.00 alle 20.

Ad Acaya i gioielli e il vino si intrecceranno agli straordinari reperti archeologici che sono emersi dalle campagne di scavo a Roca Vecchia, una città misteriosa, che sin dal 1560 avanti Cristo era custode di un grande santuario proteso sul Mediterraneo, il Santuario della Poesia dove sono state trovate iscrizioni in greco, latino e messapico. L’obiettivo è di riattualizzare il messaggio che ci hanno lasciato gli antichi. Contemporaneamente sarà visitabile infatti anche la “Mostra Roca nel Mediterraneo”.

Published in Eventi

“Vincent Candela 32” è la nuova firma nella produzione vinicola della cantina Fabio Cordella. Appuntamento alle 18.30 presso Arthotel e Park di Lecce con la presentazione ufficiale delle nuove bottiglie. Modera il giornalista televisivo Bruno Longhi.

L’ex difensore d’oltralpe, già campione del mondo e d’Europa con la nazionale francese di calcio, entra a far parte del dream team de “la carta dei vini” ideata dall’imprenditore e direttore sportivo salentino, Fabio Cordella.

Un progetto di “squadra”, giunto al quinto innesto, nato tra i vitigni doc di Salice, Copertino e Novoli, che annovera tra negramaro, primitivo, verdeca e chardonnay le collaborazioni di campioni acclamati ed ex stelle del calcio internazionale come Buffon, Snejder, Zamorano e Ronaldinho.

Un ulteriore step commerciale per la Cantina Fabio Cordella, che vanta nell’ultimo anno l’inserimento ne “L’agenda dei 365 fra i migliori produttori di vini italiani”, partecipazioni al ProWine di Düsseldorf in Germania, al Vinitaly a Verona e lo sbarco in Cina, sulle orme di Marco Polo, all’interno dell’italian village “ItaWay” di Wuhan.

Published in Eventi

Sarà presentato domani alle 19.30 nella sala degustazioni di Cantina dei Conti Zecca in via Cesarea a Leverano, il nuovo libro di  Angelo Pettofrezza, dal titolo “L’interprete”, Edizioni Les Flaneurs. A dialogare con l’autore salentino, ci saranno Sandrina Schito, sindaco di Copertino e Simona Cordella, mentre le letture saranno a cura di Alessandra Peluso. Ad aprire l’evento i saluti di Marcello Rolli, sindaco di Leverano e Cosimo Durante, presidente del GAL Terra d’Arneo. Modera gli interventi Elio Leo.

IL LIBRO

Ambientate negli anni Settanta tra la Germania e la Calabria, queste pagine accolgono due voci molto diverse, che si rincorrono una dopo l’altra per narrare una storia dura e dolorosa. La prima è quella di Francesco, un professionista in carriera, figlio di emigrati italiani a Bonn. Quest’uomo serio e sensibile è un interprete e riporta ai lettori in modo accorato una vicenda che lo ha visto protagonista. Si parte dal resoconto di un’esperienza di viaggio nel Sud Italia con i membri di una corte d’assise tedesca. La seconda voce narrante è Santina, una donna di Crotone, che racconta di sé e della sua disgraziata esistenza, fin dalla sua infanzia. Cresciuta nella miseria e nell’ignoranza, sposerà poco più che adolescente Michele, da cui avrà cinque figli, che tuttavia sarà costretta ad allevare da sola. Nel nucleo di questo romanzo c’è un omicidio, con un colpevole fin troppo facile da trovare e condannare. Ma a fare da contraltare c’è anche un’attenta, minuziosa e generosa ricerca della verità che restituisce speranza e fiducia nel tratteggiare un caso di reale ‘buona giustizia’.

Published in Eventi

La cantina vitivinicola “Cordella” di Novoli, ospite alla fiera internazionale “ProWein”. Una rassegna dedicata al mondo dei vini e dei distillati in programma da oggi al 20 marzo a Düsseldorf in Germania, che ospiterà circa 6.600 espositori proveniente da 60 paesi con oltre 295 aree di produzione.

L’azienda del manager sportivo Fabio Cordella, inserita nel 2017 ne “L’agenda dei 365 fra i migliori produttori di vini italiani”, proverà a sorprendere e deliziare il pubblico d’oltralpe, presentando alla rassegna enologica tedesca l’innovativa “carta dei vini dei campioni”, un dream team prodotto in Salento tra i vigneti di Copertino, Novoli e Salice Salentino ed abbinato ai volti dei celebri calciatori: Buffon, Snejder, Zamorano e Ronaldinho.

La manifestazione ProWein, sarà inoltre l’occasione per la cantina salentina di esporre in anteprima agli esperti del settore il “Candela 32”, ultimo nato tra le produzioni in casa Cordella. Un tris di vini, rosso blend di Negramaro e Merlot da 14 gradi, bianco Verdeca in purezza da 13 gradi e un rosato primitivo in purezza con tasso alcolico al 13.5, dedicati all’ex calciatore della nazionale francese e difensore della Roma, Vincent Candela. La presentazione ufficiale del quinto ingaggio nel dream team dei vini, che coniuga sport e viticoltura, avverrà ad aprile in Salento.

Published in Eventi
Lunedì, 09 Ottobre 2017 20:56

RONALDINHO presenta il "suo " tris di Vini

Tre vini e una sola firma: R-One. Fabio Cordella ha presentato alla stampa il suo nuovo prodotto enologico dedicato al campione brasiliano Ronaldinho. Un rosso primitivo da 14 gradi, un rosato negramaro e un bianco chardonnay da 13 gradi, tutti rigorosamente prodotti con uve salentine.

L’ex direttore sportivo dell’Honved Bucarest, in questa nuova vesta di imprenditore vitivinicolo si sente particolarmente a suo agio. “La mia passione per il vino e la terra salentina parte da lontano, racconta Fabio Cordella. Il mio bisnonno prima e poi i miei nonni, erano dei grandi produttori di vino, dei maestri. A loro ho anche dedicato la produzione di vino rosato “Mesciu Tau” proveniente dai vigneti di Salice, Copertino e Novoli. Sono molto felice di come questo progetto stia crescendo, prosegue l’imprenditore leccese, grazie anche all’aiuto della mia famiglia e dell’esperto enologo Andrea Mangia. L’etichetta “Ronaldinho” è solo il quarto innesto in un ipotetico dream team di vini che annovera già le firme di Zamorano, Sneijder e Buffon. La prossima dedica sarà per un centrocampista”.

Sull’avventura salentina di Ronaldinho, che ha registrato qualche polemica, Cordella chiarisce: “Dispiace per alcuni malumori espressi sui social. Io credo di aver fatto tutto il possibile per far partecipare i supporters salentini a questa festa di sport. Nessuno è scappato o evitato i tifosi. Lo staff del brasiliano in alcune occasioni che si erano venute a creare ha scelto di privilegiare l’incolumità del calciatore, così come richiesto dal suo procuratore. A San Donato invece la festa c’è stata tutta come da programma. Non mancheranno comunque altre occasioni. Ronaldinho tornerà presto in Salento per presentare il “suo” olio”.

Published in Salento
030_ortokinesis.jpg130_solazzo.jpg170_pneumatic.jpg100_vetrugno.jpg110_deplint.jpg070_annaluce.jpg090_liaci.jpg080_rosetta.jpg160_mq.jpg