Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 20 Maggio 2019
045_vcn.jpg030_solazzo.jpg040_compasso.jpg120_duesse.jpg130_vetrugno.jpg010_bluesea.jpg020_idrovelox.jpg150_sm.jpg140_lapineta.jpg
Bcc Terra d'Otranto al voto

Bcc Terra d'Otranto al voto

Seggi aperti per il rinnovo della governance della Banca di credito cooperativo Terra d’Otranto.

La sfida è tra Flavio Ciurlia, presidente uscente e Umberto Mele, già vicepresidente dell’istituto di credito. Due dirigenti, ex alleati nell’ultimo cda, che si affrontano per ottenere la guida della banca salentina per i prossimi tre anni. Oggi, i circa 1800 soci votanti delle filiali di Carmiano, Monteroni, Melendugno, Borgagne e Lecce, avranno tempo sino al pomeriggio per esprimere la propria preferenza nei seggi allestiti presso l’hotel Tiziano di Lecce. Necessario per poter partecipare al voto sarà l’accreditamento obbligatorio entro le ore 15.

“Sono fiducioso. Invito i soci a votare liberamente e consapevolmente – commenta Flavio Ciurlia – con la cognizione di aver ben amministrato la banca in questi anni. Il nostro lavoro, serio e costante, è stato svolto nell’interesse dei soci e del territorio. Pertanto auspico che la presidenza dell’istituto di credito possa restare a Carmiano, come da tradizione rispettata sin dalla fondazione”. Sul rapporto con lo sfidante Ciurlia è critico: “Nulla di personale, ma puntando alla presidenza della banca, Mele ha fatto scelte diverse rispetto al passato”.

Pronto per una nuova sfida si dice sul fronte opposto Umberto Mele: “Dal mio sub-ingresso nel cda della banca col ruolo di vicepresidente, con Ciurlia abbiamo collaborato e i rapporti umani sono buoni – sottolinea il competitor leccese. Tuttavia ritengo che l’istituto di credito abbia bisogno di rilanciarsi, adeguandosi alle richieste del mercato bancario. Bisogna prestare maggiore attenzione al territorio che si rappresenta, valorizzando le piccole aziende, gli artigiani e le famiglie. La mia è una lista che intende aggregare le varie anime sociali e per quanto riguardo l’eventuale presidenza lontano da Carmiano, ritengo sia un falso problema, anche perché abbiamo massima considerazione per la storia della banca e tutto resterà invariato”.

Tra inchieste e dubbi irrisolti, che ne hanno caratterizzato il recente passato della banca, grandi assenti in lista di questa tornata elettorale i soci di estrazione carmianese: Giancarlo Mazzotta, Giulio Ferrieri Caputi e Achille Villani Miglietta.

170_pneumatic.jpg030_ortokinesis.jpg160_mq.jpg080_rosetta.jpg070_annaluce.jpg090_liaci.jpg110_deplint.jpg100_vetrugno.jpg130_solazzo.jpg