Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 18 Settembre 2019
180_winet.jpg020_idrovelox.jpg120_duesse.jpg140_lapineta.jpg040_compasso.jpg030_solazzo.jpg010_bluesea.jpg045_vcn.jpg
Siringhe in Piazza degli Eroi. Genitori in allarme.

Siringhe in Piazza degli Eroi. Genitori in allarme.

Allarme siringhe nelle aiuole pubbliche di Piazza degli Eroi a Magliano.

La denuncia social è stata lanciata questa mattina da alcuni residenti e commercianti della zona preoccupati dal pericoloso ritrovamento. Ben 6 siringhe usate e un cucchiaio annerito, di quelli solitamente utilizzati per preparare la dose da iniettare, gettati impunemente, tra le piante delle piazza nel centro del paese, a pochi passi dalla chiesa matrice.

Nel post correlato con otto fotografie, Gianluca, un genitore tra i primi a fare la spiacevole scoperta, ha scritto su facebook chiedendo agli utenti di condividere per diffondere il messaggio utile ad alzare l’attenzione sul grave fatto: “Tutto questo succede nel cuore del nostro paese sotto gli occhi di tutti. Vergognati chiunque tu sia perché non puoi essere catalogata nemmeno come la peggiore bestia. Condividete per il bene dei nostri piccoli che spesso giocano in piazza”.

Un grido d’allarme che in breve tempo ha attivato il “tam tam” mediatico con svariati commenti. Dai genitori più indignati e preoccupati, intenzionati a non mandare i figli in piazza, a chi invece richiede maggiori controlli e un servizio di sorveglianza soprattutto notturno sull’area. Nel dibattito social, sono intervenute anche Stefania Arnesano ed Emanuela Bruno, rispettivamente assessori alla cultura e ai servizi sociali del comune di Carmiano, che si sono attivate anche per l’immediata risoluzione del problema. “Gli uffici hanno provveduto – scrive Arnesano. Quando vi sono situazioni che necessitano di immediata soluzione vi invito a comunicare direttamente con gli Uffici comunali. La diffusione di messaggi a mezzo social crea clamore ma può non conseguire alcun risultato”. Sulla stessa lunghezza d’onda si inserisce anche Bruno che ricorda come l’amministrazione “ha svolto opera di sensibilizzazione contro l’uso di droghe. Ma per qualsiasi altra cosa che riguardi la problematica, facciamolo fuori da fb”.

Sulla vicenda siringhe, che ha creato notevole preoccupazione nella frazione, e che al momento è stata risolta con il recupero da parte degli operatori ecologici, resta tuttavia l’angoscia dei cittadini per un problema che potrebbe ripetersi nel tempo, mettendo a rischio la salute dei bambini, ma anche dei diversi anziani che occupano la piazza nelle ore serali. Tuttavia poco chiara resta anche la circostanza in cui queste siringhe sia state usate e gettate nelle aiuole in pieno centro abitato. Non si esclude che, vista la presenza in zona di diversi bar e pizzeria, l’assunzione delle sostanze stupefacenti sia avvenuto altrove, forse nel vicino parco, e poi l’abbandono delle siringhe e del cucchiaio, in un secondo momento, nelle aiuole della piazza.

160_mq.jpg100_vetrugno.jpg110_deplint.jpg070_annaluce.jpg080_rosetta.jpg130_solazzo.jpg030_ortokinesis.jpg090_liaci.jpg170_pneumatic.jpg