Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 16 Ottobre 2019
140_lapineta.jpg040_compasso.jpg180_winet.jpg030_solazzo.jpg010_bluesea.jpg120_duesse.jpg045_vcn.jpg020_idrovelox.jpg
A scuola di emozioni: IV Giornata nazionale della Psiconcologia

A scuola di emozioni: IV Giornata nazionale della Psiconcologia

L’attuale e delicato tema della psiconcologia entra nelle scuole con l’incontro di sensibilizzazione sulle problematiche psicologiche e sociali del paziente oncologico e dei suoi familiari.

Presenti al convegno, organizzato ieri pomeriggio presso il Liceo Scientifico “Banzi” di Lecce, la dirigente scolastica Antonella Manca, medici ed esperti della Psiconcologia GVM - Città di Lecce Hospital, Luigi Manca e Maria Antonietta Berio e alcuni pazienti che hanno raccontato la propria esperienza. “L’incontro rivolto ai ragazzi e ai genitori – spiega la dottoressa Maria Antonietta Berio, psiconcologa di Città di Lecce Hospital – ha avuto l’obiettivo di informare sui servizi di psiconcologia presenti sul territorio e promuovere una cultura di “richiesta di aiuto psicologico” per pazienti e familiari che vivono la dolorosa esperienza”.

La patologia oncologica rappresenta un evento che investe tutte le dimensioni della persona, dalla sfera fisica a quella psicologica, i rapporti interpersonali e sociali. La valutazione della risposta emozionale del paziente e dei suoi familiari, rappresenta quindi il presupposto per un’umanizzazione della cura che guarda alla persona nella sua globalità. Ricerche scientifiche recenti dimostrano infatti che interventi psicologici e sociali nei reparti oncologici migliorano dal 10% al 25% la qualità della vita dei pazienti e di conseguenza anche la loro “compliance”, ovvero la capacità di aderire alle cure. Più è efficace la terapia e più aumentano i livelli di sopravvivenza.

170_pneumatic.jpg090_liaci.jpg130_solazzo.jpg100_vetrugno.jpg160_mq.jpg110_deplint.jpg070_annaluce.jpg080_rosetta.jpg030_ortokinesis.jpg