Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 17 Ottobre 2019
045_vcn.jpg180_winet.jpg010_bluesea.jpg140_lapineta.jpg030_solazzo.jpg120_duesse.jpg040_compasso.jpg020_idrovelox.jpg
Camillo Villani Miglietta rappresentante nazionale di Fnp Olivicola

Camillo Villani Miglietta rappresentante nazionale di Fnp Olivicola

Camillo Villani Miglietta nominato rappresentante nazionale under 40 all’interno della Federazione Nazionale di Prodotto Olivicola, dal Consiglio nazionale ANGA-Giovani di Confagricoltura.

La Fnp Olivicola è una delle 24 Federazioni che rappresentano l’intero comparto agroalimentare, sono istituite dal Comitato Direttivo per i principali prodotti, settori di produzione o settori economici di rilevanza agricola, ambientale e territoriale: Psr, Pac, mercato e concorrenza sleale, qualità, formazione, Xylella, tracciabilità e rapporti con i consumatori.

“Le motivazioni, le competenze e l’attenzione pretesa per la problematica salentina hanno spinto il Comitato di Presidenza nazionale a concedermi questo incarico, dal quale ne conseguono responsabilità molto importanti – dichiara Villani Miglietta. È indubbio che, pur rappresentando le istanze dell’intero territorio nazionale, sarà mia premura affrontare con urgenza le problematiche relative al disastro salentino causato da Xylella, al Piano Olivicolo Regionale ed ai 300 milioni stanziati dall’ex Ministro dell’Agricoltura, che verranno impiegati nelle annate 2020/2021, affinché si possa sperare nella ricostruzione di un territorio – sottolinea il neo rappresentante Fnp”.

Presa d’atto, a cui Camillo Villani Miglietta, abbina anche programmazione futura. “ Anche il nostro paese ha bisogno di una seria progettazione per il futuro, dalla gestione della Cooperativa sociale ai rapporti con il GAL, dagli eventi mai realizzati per la promozione dei prodotti locali al sostegno ai giovani agricoltori. Il mondo olivicolo per rinascere ha bisogno di competenze, strategia ed il pragmatismo che fino ad ora è mancato, dunque sarò lieto di ascoltare qualsiasi consiglio in merito per essere portavoce delle istanze di un intero comparto”.

130_solazzo.jpg100_vetrugno.jpg170_pneumatic.jpg070_annaluce.jpg160_mq.jpg090_liaci.jpg110_deplint.jpg030_ortokinesis.jpg080_rosetta.jpg