Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 14 Luglio 2020
030_solazzo.jpg010_bluesea.jpg045_vcn.jpg040_compasso.jpg180_winet.jpg020_idrovelox.jpg120_duesse.jpg
Oltre 22mila cifre a memoria per il record di Luca Vadacca

Oltre 22mila cifre a memoria per il record di Luca Vadacca

Memoria super e nuovo record italiano di “Pi greco” per il 40enne Luca Vadacca, carabiniere originario di Carmiano, ma residente nel bresciano. La sfida per “super brain” intitolata alla più famosa delle costanti matematiche, il “3,14”, ha confermato sul gradino più alto del podio nazionale, con lo score di 22801 cifre riprodotte mnemonicamente, il militare salentino, posizionandolo inoltre nella top ten mondiale.

La prova record nei giorni scorsi. Vadacca, ha migliorato i suoi “numeri” davanti ad una giuria, istituita secondo il regolamento del “Guinness world record” per la convalida della prova, composta dal sindaco del comune lombardo di Remedello, da un avvocato e da un docente di matematica e fisica di un liceo di Montichiari. In circa 7 ore, il quarantenne ricorrendo alla formula di Leibniz, ha snocciolato a memoria le oltre 22mila cifre decimali, stracciando il record italiano di 7106 da lui stesso detenuto, e avvicinando l’attuale primato europeo stabilito il 7 marzo scorso dallo svedese Jonas von Essen, che ha raggiunto le 24063 cifre impiegando però circa 4 ore in più del carabiniere salentino. Numeri e primato europeo messi nel mirino da Luca Vadacca, come prossimo traguardo.

070_annaluce.jpg030_ortokinesis.jpg170_pneumatic.jpg130_solazzo.jpg080_rosetta.jpg110_deplint.jpg100_vetrugno.jpg090_liaci.jpg