Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Domenica, 09 Agosto 2020
020_idrovelox.jpg045_vcn.jpg030_solazzo.jpg010_bluesea.jpg180_winet.jpg120_duesse.jpg040_compasso.jpg
Coronavirus: 10 positivi in Puglia. Le dichiarazioni del direttore asl Lecce Rodolfo Rollo

Coronavirus: 10 positivi in Puglia. Le dichiarazioni del direttore asl Lecce Rodolfo Rollo

BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 29 luglio 2020 in Puglia, sono stati registrati 2454 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 10 casi positivi: 1 in provincia di Bari; e 2 in provincia di Foggia e 7 in provincia di Lecce.

NON sono stati registrati i decessi.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 235701 test. 3963 sono i pazienti guariti. 92 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4606 così suddivisi:

1.503 nella Provincia di Bari

382 nella Provincia di Bat

671 nella Provincia di Brindisi

1185 nella Provincia di Foggia;

554 nella Provincia di Lecce;

281 nella Provincia di Taranto;

30 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE ASL LECCE RODOLFO ROLLO: “Il lavoro dei dipartimenti di prevenzione è tempestivo e capillare su tutto il territorio – dichiara il direttore generale Asl Lecce Rodolfo Rollo – 4 casi dei 7 positivi registrati oggi in provincia di Lecce sono di importazione da Paesi esteri e riguardano cittadini non italiani. Gli altri 3 casi sono legati a un focolaio già individuato e messo sotto controllo, quindi le persone risultate positive erano già state poste in isolamento in quanto contatti stretti di caso indice. Ovviamente per tutti questi nuovi casi si è proceduto all’estensione dell'indagine epidemiologica per tracciare gli ulteriori contatti e circoscrivere il focolaio”.

110_deplint.jpg090_liaci.jpg070_annaluce.jpg080_rosetta.jpg130_solazzo.jpg100_vetrugno.jpg030_ortokinesis.jpg170_pneumatic.jpg