Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 01 Ottobre 2020
120_duesse.jpg010_bluesea.jpg180_winet.jpg040_compasso.jpg045_vcn.jpg020_idrovelox50.jpg030_solazzo.jpg
Coronavirus: 23 nuovi casi in Puglia di cui 8 in provincia di Lecce

Coronavirus: 23 nuovi casi in Puglia di cui 8 in provincia di Lecce

BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO 5 AGOSTO 2020

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 5 agosto in Puglia sono stati registrati 2630 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 23 casi positivi: 3 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 9 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Lecce, 1 riguardante un residente fuori regione.

NON sono stati registrati decessi.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 249.211 test. 3973 sono i pazienti guariti. 152 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.678, così suddivisi:

1516 nella Provincia di Bari;

382 nella Provincia di Bat;

675 nella Provincia di Brindisi;

1218 nella Provincia di Foggia;

575 nella Provincia di Lecce;

281 nella Provincia di Taranto;

31 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Dichiarazioni del direttore generale Asl Lecce, Rodolfo Rollo: “I casi odierni riguardano cittadini stranieri il cui arrivo è stato gestito dalla Prefettura di Lecce – spiega il Dg della Asl Lecce, Rodolfo Rollo – la Asl è intervenuta in sinergia con le forze dell’ordine per le tempestive valutazioni sanitarie e l’effettuazione dei tamponi. I casi sospetti sono già stati inviati in strutture idonee per l’isolamento”.

090_liaci.jpg170_pneumatic.jpg100_vetrugno.jpg030_ortokinesis.jpg070_annaluce.jpg110_deplint.jpg130_solazzo.jpg080_rosetta.jpg