Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 20 Giugno 2019
030_solazzo.jpg140_lapineta.jpg045_vcn.jpg180_winet.jpg020_idrovelox.jpg010_bluesea.jpg135_pati.jpg120_duesse.jpg040_compasso.jpg
AVIS: Piastrine, la donazione sconosciuta

AVIS: Piastrine, la donazione sconosciuta

AVIS da anni si occupa della sensibilizzazione alla donazione del sangue, ma non tutti sanno che non è l’unico obiettivo dell’Associazione.

La donazione di piastrine, per esempio, è meno conosciuta e di conseguenza ci sono sempre meno donatori, quando a volte, l’emergenza è tale che, nei casi peggiori, si è costretti a rinviare gli interventi.

Ma cosa sono le piastrine? E come si donano?

Le piastrine sono i più piccoli elementi figurati del sangue che contribuiscono alla coagulazione, ossia bloccano le emorragie. La diminuzione delle piastrine causa alterazioni con conseguente allungamento del tempo di emorragia. La donazione di piastrine avviene tramite apparecchiature che prelevano il sangue e ne separano le componenti ematiche, trattenendo quelle di cui si ha necessità, mentre i restanti elementi vengono restituiti successivamente, utilizzando un unico accesso venoso, motivo per cui la donazione ha una durata maggiore di quella del sangue.

Oramai la carenza di piastrine è un dato di fatto: basti pensare che si devono necessariamente garantire due donazioni di piastrine giornaliere per ogni centro trasfusionale, questo per poter avere una condizione di tranquillità ed essere subito pronti per un’eventuale emergenza. Le piastrine vengono prelevate anche dalle sacche di sangue donate, ma l’utilizzo di piastrine in aferesi (per aferesi si intende la sola donazione di piastrine) è preferibile rispetto alle piastrine prodotte da donazione di sangue, infatti una donazione di piastrine singola da aferesi corrisponde a circa 6-7 donazioni di piastrine da sangue intero. Le piastrine da aferesi vengono impiegate principalmente per la terapia trasfusionale dei pazienti oncologici ed ematologici, sottoposti a cicli di chemioterapia o come supporto trasfusionale al trapianto di cellule staminali emopoietiche. Per quanto riguarda l’intervallo di tempo che deve trascorrere da una donazione all’altra, secondo la normativa vigente è possibile donare piastrine fino a sei volte l'anno. L'intervallo tra due donazioni consecutive di piastrine, deve essere superiore a 30 giorni e inoltre le piastrine non possono essere donate prima di 30 giorni dall'ultima donazione di sangue intero.

Prossima donazione: DOMENICA 22 OTTOBRE.

Gruppo AVIS CARMIANO

110_deplint.jpg070_annaluce.jpg160_mq.jpg090_liaci.jpg080_rosetta.jpg030_ortokinesis.jpg170_pneumatic.jpg100_vetrugno.jpg130_solazzo.jpg