Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 20 Maggio 2019
150_sm.jpg130_vetrugno.jpg045_vcn.jpg120_duesse.jpg030_solazzo.jpg140_lapineta.jpg010_bluesea.jpg040_compasso.jpg020_idrovelox.jpg

I cittadini di Carmiano e Magliano scendono in campo contro i vandali e denunciano con un post su facebook lo stato di incuria e abbandono in cui versa la “Città Insieme – parco della Musica”. Chiesti inoltre chiarimenti e interventi urgenti di messa in sicurezza delle strutture agli amministratori pubblici.

La piazza virtuale dei social, da qualche tempo sembra aver preso il sopravvento in paese rispetto ai luoghi reali di confronto, e le istanze di utenti e attivisti, viaggiano e vengono condivise con maggiore facilità.

L’ultimo in ordine di tempo è l’appello, tra serio e faceto, lanciato su facebook da alcuni genitori mortificati dal degrado riscontrato nell’area ludico-ricreativa che collega le due comunità. Il post fotografico pubblicato ritrae nelle immagini i vari danni causati dai vandali al palazzetto tensostatico, all’arredo urbano e ai servizi igienici dell’anfiteatro. Al messaggio in breve tempo, si sono poi aggiunti i commenti di altri utenti, mortificati dallo stato in cui versa il parco e preoccupati per la sicurezza dei giovani frequentatori dell’area giochi.

Sull’argomento è intervenuto anche Marco Furia, coordinatore locale del partito “Popolari per l’Italia” e tra i genitori presenti al sopralluogo, firmatari del post-denuncia. “La Città Insieme – parco della Musica è nel degrado, vittima dei vandali, che impunemente danneggiano ogni cosa. Portare i nostri figli a giocare sta diventando un pericolo per la salute - sottolinea Furia. Senza polemica o strumentalizzazione, comprendiamo che i danni non derivano dagli amministratori ma da pochi incivili che non hanno a cuore il nostro paese, tuttavia riteniamo che un maggiore controllo, l’introduzione dell’illuminazione pubblica e delle videocamere di sorveglianza potrebbero essere un fondamentale deterrente per allontanare i vandali dall’area, e renderla finalmente agibile e fruibile per tutta la comunità”.

Per conto dell’amministrazione si registra la dichiarazione dell’assessore al patrimonio urbano dell’Ente, Gianni Erroi: “Interverremo celermente con provvedimenti idonei a contrastare gli incivili. Sono già avviate le procedure per l’illuminazione pubblica e la rete di videosorveglianza. Inoltre sono allo studio tutte quelle azioni di sensibilizzazione della collettività per prevenire e arginare il vandalismo di cui si rendono artefici pochi individui”.

Published in Attualità
110_deplint.jpg030_ortokinesis.jpg170_pneumatic.jpg080_rosetta.jpg100_vetrugno.jpg130_solazzo.jpg160_mq.jpg090_liaci.jpg070_annaluce.jpg