Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 22 Settembre 2023
200_carrozzo.jpg010_bluesea.jpg210_mondofiori.jpg110_deplint.jpg040_compasso.jpg031_quarta.jpg180_winet.jpg020_idrovelox50.jpg
Sabato, 20 Novembre 2021 11:31

Lauretti: "Chi ha vinto e chi ha perso"

Qualche considerazione su CHI HA VINTO E CHI HA PERSO.

Il classico ragionamento in questa circostanza supera perfino la stravagante logica lapalissiana: ha vinto chi ha preso più voti e ha perso chi ne ha presi di meno. Certi fatti, però, si possono comprendere più facilmente tenendo nella giusta considerazione il fattore "tempo" nel suo rapido susseguirsi. E se ciò è valido in generale, lo è a maggior ragione ragionando di politica. Pertanto basta allungare il pensiero appena un po' più in là che il presente sembra già sfumare nel passato ed il futuro aspetta vicino a te come per sfidarti. Ed è proprio in questa sfida che iniziamo a cercare il paradosso delle nostre considerazioni capovolgendo il problema, e cioè: chi NON ha vinto e chi NON ha perso.

A mio avviso non ha vinto chi crede di aver raggiunto un traguardo quale punto di equilibrio stabile, ancor di meno ha vinto chi medita di sfruttare il proprio risultato per ordire ritorsioni contro il "nemico". Infine, di sicuro non ha vinto chi pianifica  un progetto per trarre profitto personale dal risultato conseguito. Di contro non ha perso chi ha saputo cogliere l'occasione per una seria e approfondita riflessione sul risultato personale e collettivo, così come non ha perso chi si propone di dar vita con entusiasmo alla prossima esperienza politica che l'aspetta. Soprattutto non ha perso chi pensa, prescindendo dal ruolo che svolgerà nella prossima amministrazione comunale, di impegnarsi e di dare il meglio di sé a vantaggio di tutta la comunità di Carmiano-Magliano. Ovviamente è un ragionamento  che lascia il tempo che trova. Buona giornata a tutti, vinti e vincitori.

Tonino Lauretti

Published in Politica

La sede del comune di Carmiano si illumina di viola nella ricorrenza della Giornata mondiale della prematurità. L’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale Erroi con il supporto di alcuni genitori, celebra il 17 novembre la World Prematurity Day: una manifestazione che ricorre ogni anno a livello globale, organizzata con l’obiettivo di sensibilizzare ed informare sul tema della prematurità e sul percorso dei bambini che alla nascita sono ricoverati in un reparto di Terapia Intensiva Neonatale. Il simbolo di questa giornata sono i calzini viola, stesi ad asciugare insieme a quelli, più grandi, dei bimbi nati a termine, proprio per rappresentare che nel Mondo circa un bimbo su dieci nasce prematuro.

Ogni anno sono circa 15 milioni i bambini nati prematuri, cioè prima della 37a settimana di gestazione: in Italia sono più di 30000, il 6,9 % delle nascite (tasso che durante l’emergenza sanitaria Covid-19 è cresciuto fino all’11,2%).

Il tema di quest’anno è: “Zero Separation – Agiamo adesso, non separare i neonati prematuri dai loro genitori”. Chi ha vissuto o sta vivendo una situazione simile, conosce bene le sensazioni che si provano a dover stare per molte ore al giorno lontano dalla propria bimba o dal proprio bimbo.

Dunque il tema della campagna, promossa dalla European Foundation for the Care of Newborn Infants (EFCNI), ha proprio lo scopo di continuare a difendere il ruolo prioritario di mamma e papà, soprattutto nel periodo Covid. Proprio per questo l’associazione dei neonatologi italiani sostiene l’apertura h24 delle Terapie Intensive Neonatali.

Published in Attualità

Il sindaco Gianni Erroi ufficializza la squadra di governo per la guida di Carmiano e Magliano. A poco più di una settimana dal voto che ha decretato il successo dell’avvocato Erroi sull’ex primo cittadino Giancarlo Mazzotta, arrivano dunque le nomine in giunta e l’assegnazione delle deleghe ai nuovi cinque assessori. Rispettate le previsioni.

Il vicesindaco è Stefania Arnesano, donna più suffragata (832 voti), che ottiene anche l’incarico a cultura e spettacolo, urbanistica e pubblica istruzione. Il primo degli eletti della maggioranza, Camillo Villani Miglietta, con 838 preferenze, è il nuovo assessore ai lavori pubblici, attività economiche e produttive, sport e associazionismo.

I settori welfare, servizi sociali, politiche comunitarie, volontariato e ambiente, vanno invece a Salvatore De Cruto, terzo degli eletti della lista “La Matita”. Giunta che si completa con le debuttanti, Maria Lucia Pellegrino, assegnataria della delega al contenzioso, tributi, randagismo e turismo e Maria Roberta Indennidate, candidata più suffragata tra i 4 consiglieri eletti di Magliano, a cui va la delega alla frazione, affari generali e personale. Restano vacanti e in attesa di assegnazione ai consiglieri, le deleghe alle attività giovanili, famiglia e politiche per la casa, viabilità, verde pubblico e Union3.

Il primo cittadino Gianni Erroi, tiene per sé il mandato su bilancio, polizia municipale, protezione civile, Gal Terra d’arneo, rapporti con la società patrimoniale “Carminio”, informatizzazione, coordinamento e rappresentanza istituzionale.

Nel primo consiglio comunale, arriverà invece la nomina del capogruppo della maggioranza e del presidente dell’assise, ruolo quest’ultimo che vede favorito Marco Furia.

Published in Politica

Ancora 48 ore per conoscere la nuova squadra di governo individuata dal sindaco Gianni Erroi per la guida di Carmiano e Magliano. Nello stesso arco di tempo dovrebbero anche essere sciolte le ultime riserve sull’assegnazione delle deleghe e sulla scelta del presidente dell’assise comunale. In pole per un ruolo di rilievo nella nuova amministrazione comunale, Camillo Villani Miglietta, Stefania Arnesano e Salvatore De Cruto. Maggioranza inoltre che si tinge di rosa con ben 6 donne elette su 11 consiglieri.

Dopo il successo alle urne di domenica scorsa nella sfida con l’ex sindaco Giancarlo Mazzotta, il primo cittadino Gianni Erroi, ha avviato il giro di consultazioni tra i consiglieri eletti per raggiungere la quadra in maggioranza. Tra i criteri per le nomine, indicati da Erroi, “competenze ed equilibri in campo”.

Il primo degli eletti Camillo Villani Miglietta, con 838 voti ottenuti, dovrebbe essere il nuovo assessore ai lavori pubblici e associazionismo. Il ruolo di vicesindaco, con delega a cultura, urbanistica e istruzione dovrebbe essere assegnato invece a Stefania Arnesano, prima donna per preferenze ricevute (832). Al welfare e servizi sociali dovrebbe finire Salvatore De Cruto, terzo degli eletti della lista La Matita. Giunta che si dovrebbe completare con le due avvocatesse, debuttanti in consiglio comunale, Maria Lucia Pellegrino e Roberta Indennidate. In pole per il ruolo di presidente dell’assise comunale Marco Furia.

Il nuovo consiglio comunale di Carmiano è così composto: 11 scranni alla maggioranza più il sindaco e 5 all'opposizione. Al fianco del primo cittadino Gianni Erroi, siedono dunque i consiglieri: Camillo Villani Miglietta, Stefania Arnesano, De Cruto Salvatore, Indennidate Roberta, Pellegrino Maria Lucia, Carogiuli Cristina, Paladini Giulia, Curto Carmen, Montanaro Giovanni, Vadacca Giovanni, Furia Marco.

All’opposizione invece trovano posto Giancarlo Mazzotta, Cosimo Petrelli, Emanuela Bruno, Indennidate Mariagrazia e Salvatore Paolo.

Published in Politica

Il gruppo di LiberAzione, aperto ad altre persone della società civile, si è riunito per una prima valutazione del voto amministrativo del 7 novembre scorso dalla quale sono derivate alcune riflessioni e considerazioni circa un’eventuale possibilità di individuare gli umori e le intenzioni anche di coloro i quali non hanno trovato collocazione ideologica in nessuna delle parti in gioco. Pertanto, ha deciso di organizzarsi per cimentarsi in questa complessa impresa e per svolgere un ruolo di “sentinella” nelle due comunità e di stimolo, al fine di sollecitare, per i prossimi anni, una “Buona Amministrazione” del Comune di Carmiano affinchè essa si ponga realmente al servizio del paese.

Formula i migliori auguri di buon lavoro al neo Sindaco, Avv. Gianni Erroi ed a tutti i Consiglieri eletti chiamati ad amministrare il Comune di Carmiano per proiettarlo verso una crescita economica, sociale e civile più aderente ai bisogni dei cittadini.

Published in Politica

“Le porte del Comune saranno aperte a tutti nel solco di un’amministrazione capace di offrire ascolto e restituire serenità ai cittadini di Carmiano e Magliano”. A parlare è Gianni Erroi, avvocato 57enne, amministratore pubblico di lungo corso, eletto neosindaco di Carmiano a guida della lista civica “La Matita – partecipiamo”.

Erroi, l’emozione nel diventare primo cittadino della sua comunità?

“E’ una grande emozione, che porta con sé la soddisfazione di poter dare una svolta soprattutto nel metodo amministrativo al Comune. Questo risultato ci proietta in una nuova fase amministrativa in cui prevarranno valori diversi rispetto a quelli del passato. E’ stato tutto molto entusiasmante e la gioia di queste ore espressa negli occhi di tanta gente, dei candidati e di tutto lo staff che si è impegnato in questa campagna elettorale sarà da stimolo per il proseguo”.

Un successo per soli 78 voti che rileva una divisione nell’elettorato cittadino. Quale valutazioni e soluzioni considera?

“La divisione nel voto dei cittadini credo dipenda dal modo in cui è stata affrontata la campagna elettorale dal mio competitor politico che ha cercato di inquinare le notizie che lo riguardavano in merito alle sue situazioni giudiziarie. Questo purtroppo ha creato confusione, ma noi ci proponiamo di riprendere il dialogo con tutti i cittadini, e far capire che siamo con loro, aperti all’ascolto dell’esigenze. Vogliamo progresso e serenità per la comunità e penso che durante il percorso si potranno apprezzare le doti di tutti gli amministratori, persone giovani, pulite e pronte a impegnarsi con trasparenza nella gestione della cosa pubblica”.

Un ruolo importante nel successo elettorale è stato dato dai consensi dei 4 consiglieri candidati ed eletti per la frazione di Magliano?

“Certamente, ed è un fatto di estrema rilevanza storica e di prospettiva futura. Daremo quindi il giusto spazio a tutti gli eletti, affinchè Magliano possa avere i propri rappresentanti con cui i cittadini potranno confrontarsi direttamente sul territorio. In quest’ottica come anticipato nel programma elettorale apriremo alla costituzione del consiglio della frazione”.

Quali le priorità di inizio mandato?

“Partiremo con la riqualificazione delle grandi opere rimaste abbandonate, con gravi ripercussioni sulla loro staticità e utilizzo. Penso quindi alla tensostruttura del parco della Musica, il campo sportivo comunale e il cineteatro Lumière, che al contrario di quello che si è detto, dev’essere completato e rifinito per un impiego adeguato. Ci impegneremo poi alla realizzazione della nuova caserma dei carabinieri, il cui progetto è stato già finanziato dalla gestione commissariale. Inoltre interverremo sul welfare e nel sociale, attraverso i fondi del Pnrr, al fine di offrire alla comunità formazione e opportunità nell’ambito dell’impiego lavorativo. Per i giovani sarà invece creata una consulta ad hoc sotto la direzione della consigliera Giulia Paladini”.

Sulle nomine in giunta invece come si procederà?

“Nelle prossime ore inizieremo il dialogo con tutti i consiglieri eletti per condividere la migliore soluzione nel rispetto delle competenze e degli equilibri in campo”.

Published in Politica

In attesa dei comizi elettorali di questa sera, che chiuderanno la campagna elettorale per il rinnovo del consiglio comunale e l’elezione del nuovo sindaco a Carmiano, arriva anche la nota del candidato sindaco della lista “La matita – partecipiAmo” Gianni Erroi. “Siamo mortificati nel dover assistere ancora una volta a dei tentativi di delegittimare il rispetto comune verso le Istituzioni e la Magistratura. Non entriamo nel merito ma ribadiamo come già detto in passato che le questioni personali di Mazzotta, non devono intaccare la reputazione di una comunità laboriosa e onesta come quella di Carmiano e Magliano, che conosciamo e in cui siamo orgogliosi di vivere. A noi sta a cuore lo sviluppo e la serenità dei nostri concittadini e continueremo ad agire per la piena tutela di questi valori”.

Published in Politica

A due giorni dal voto a Carmiano per l'elezione del sindaco e per il rinnovo del Consiglio comunale, arriva la lista degli “impresentabili”, rivelata dal presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, con un video sui social. Nella lista resa pubblica da Morra c’è Giancarlo Mazzotta, candidato a sindaco con la lista Ritorniamo insieme, e altri due candidati in lizza alle amministrative di Manfredonia e Scanzano Jonico (in provincia di Matera).

A proposito di Carmiano e di Mazzotta, ecco quanto dichiarato dal presidente della Commissione antimafia: «Risulta in violazione del codice di autoregolamentazione della commissione antimafia, la candidatura di Giancarlo Mazzotta. Per il candidato risulta disposto il rinvio a giudizio per quattro capi d'imputazione: tra i quali estorsione aggravata dal metodo mafioso e violenza privata, aggravata dal ricorso dal metodo mafioso. La prossima udienza dibattimentale è fissata per il 10 gennaio 2022, pertanto alla luce di quanto precede la candidatura di Mazzotta, candidato sindaco della lista, risulta in violazione delle disposizioni di cui all'articolo 1, comma1, lett. a e j, del codice di autoregolamentazione della commissione antimafia». La lista non ha un valore legislativo rispetto alla incandidabilità ed ineleggibilità dei soggetti che non rispondano ai criteri previsti né prevede sanzioni per quei partiti o liste che non lo rispettano ma ha solo una valenza etica e morale.

Il presidente della Commissione parlamentare antimafia chiarisce poi il perché dei ritardi nella valutazione degli impresentabili. «Si incappa in queste vicende anche perché i casellari giudiziali sono spesso incompleti o non aggiornati. Ma il singolo dovrebbe avere memoria di una condanna definitiva e irrevocabile. E se il singolo non lo comunica alla forza politica di riferimento credo sia giusto che quella forza politica si attivi per allontanare il candidato in questione».

Published in Politica

LiberAzione prende le distanze dai due candidati sindaco e si dice pronta ad un voto di protesta alle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Carmiano, in programma domenica. Quindici i firmatari del comunicato, quasi una lista, rimasta però fuori dalla tornata elettorale.

“Il Gruppo Liberazione allargato ad esponenti della società civile che si ritengono liberi da condizionamenti provenienti dalla precedente amministrazione sciolta per presunte infiltrazioni mafiose – si legge nel comunicato stampa - intende rendere noto che, non condividendo le ragioni, né il metodo che ha portato alla ricandidatura a sindaco di esponenti di primo piano della precedente maggioranza, alle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale del 7 novembre, non esprimerà nessuna preferenza per le liste in campo. Parteciperà comunque con un voto di protesta. Una linea che auspica possa essere condivisa da tutti i cittadini che non condividono questo modo di fare politica e di amministrare la cosa pubblica”.

Il comunicato è stato firmato da: Gigi Bruno, Marino Barbara, Stefania Carrozzo Magli, Mazzotta Gerardo, Franco Surano, Stefania Portacci, Pino Rollo, Antonio Quarta, Daniele Ianne, Fabio Arnesano, Luigi Russo, Andrea Saponaro, Luigina Quarta, Francesco Liaci e Anna Paola Calò.

Published in Politica

La “Dea fortuna” non aiuta due donne di Carmiano indagate per aver vinto e non dichiarato oltre 350mila euro ai giochi online tra il 2019 e il 2020, al fine di ottenere indebitamente il beneficio del reddito di cittadinanza.

L’indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza di Lecce e coordinata dalla Pm, Maria Consolata Moschettini, ha permesso di individuare una 35enne di Carmiano, che avrebbe reso dichiarazioni false in merito alle condizioni reddituali e patrimoniali del proprio nucleo familiare, in particolare allegando per la domanda di sussidio statale di contrasto alla povertà, un’attestazione Isee pari a zero euro. Circostanza ritenuta falsa dall’accusa, che ha accertato tramite le operazioni dei baschi verdi, un ricavo per la donna nei primi mesi del 2019, riferibile a conti gioco online, ammontabili a oltre 29mila euro per il 2019 e 17.800 euro per l’anno precedente. Vincite complessivamente di poco inferiori ai 50mila euro, non dichiarate e che hanno permesso alla 35enne di ricevere da parte dell’Inps, da maggio 2019 a settembre 2020, oltre 18.700 euro di reddito di cittadinanza.

Indagini dei finanziari che hanno permesso di intercettare la posizione di una seconda donna, una 30enne di origine rumena ma residente a Carmiano, che avrebbe messo in atto una pluralità di azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso per ottenere il beneficio del rdc nel biennio 2019-2020. L’indagata avrebbe reso infatti false dichiarazioni in merito alle condizioni reddituali del proprio nucleo familiare omettendo di dichiarare di aver percepito nel 2018 vincite da conti gioco per un ammontare superiore a 311mila euro. Inoltre la 30enne avrebbe reso dichiarazioni false, allegando nella domanda di sussidio di fine 2020, un’attestazioni Isee pari a 1890,40 euro, che le avrebbe così permesso di ottenere dall’Inps, 6mila euro da maggio a dicembre 2019 e 7.808 euro da gennaio a dicembre 2020.

L’attività degli inquirenti prosegue e punta a comprendere anche quanto le vincite ai giochi online siano merito della “Dea bendata” o un di un sistema organizzato che approfitta delle difficoltà economiche dei soggetti coinvolti. E trova "teste di legno".

Nei mesi scorsi individuata anche una 57enne di Galatone, presunta “furbetta” del reddito di cittadinanza, vincitrice online di circa 560mila euro.

Published in Cronaca
030_solazzo.jpg070_annaluce.jpg090_liaci.jpg025_martena.jpg170_pneumatic.jpg100_vetrugno.jpg110_deplint.jpg080_rosetta.jpg045_vcn.jpg030_ortokinesis.jpg