Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 19 Ottobre 2019
120_duesse.jpg040_compasso.jpg010_bluesea.jpg045_vcn.jpg140_lapineta.jpg180_winet.jpg030_solazzo.jpg020_idrovelox.jpg
“Ho ancora addosso l’odore dei tuoi fiori preferiti” di Erika Sole

“Ho ancora addosso l’odore dei tuoi fiori preferiti” di Erika Sole

Esordio letterario per la scrittrice carmianese Erika Sole. “Ho ancora addosso l’odore dei tuoi fiori preferiti” è il titolo del suo primo romanzo pubblicato dalla casa editrice BookSprintEdizioni.

Erika è una ragazza di vent'anni, diplomata all'istituto Alberghiero in Enogastronomia, con una grande passione per la lettura e soprattutto mamma di una bambina di tre anni.

“La passione per i libri e la scrittura, - spiega la giovane autrice, - è qualcosa che sento da sempre, da bambina ero abbastanza ribelle e i miei genitori erano costretti a mettermi in punizione togliendomi qualsiasi forma di tecnologia così ho imparato a comprare libri e praticamente da quel giorno non mi sono più fermata. Ho iniziato a scrivere poco dopo, avevo il cosiddetto ''sogno nel cassetto'' ovvero quello di vedere, un giorno, il mio libro nelle vetrine delle librerie. Ci ho sempre creduto ed ho sempre lottato per far in modo che questo sogno si realizzasse. E così è stato.

Nel romanzo è narrata la storia di Anna e Marco. Si parla delle vicende di due anime che cercano la luce in mezzo al tunnel. Erika ci racconti del tuo romanzo?

“E’ una storia di lontananza, amicizia, sofferenza. Una di quelle storie dove perdi tanto ma che alla fine ti dà un po’ di più. È una di quelle storie che inizia un giorno qualunque di Ottobre dove il vento ti rovina i capelli e l’odore del sale ti bacia la pelle. Uno di quei racconti semplici ma allo stesso tempo complessi dove ti chiedi la maggior parte del tempo “perché?”. Una di quelle storie dove la sofferenza si avverte sulla pelle, nel cuore, nelle ossa ed è difficile una volta dentro spazzarla via, come se fosse un pezzo di carta da strappare e buttare nel cestino. Una di quelle storie dove provare emozioni costa tanto, dove c’è sempre un prezzo da pagare, anche quando si è felici. Anna la protagonista ha una serie di tragedie alle spalle che la costringono a vivere in un mondo che non sente più suo. Solo l'incontro e l'amicizia con Marco riesce a far riaprire in lei una piccola luce, la speranza”

Quali progetti per il futuro?

Per farmi conoscere e per far conoscere ciò che scrivo ho aperto una pagina Instagram seguita da quasi 8.000 persone, dove ogni giorno pubblico frasi tratte dal romanzo. Questo libro tuttavia lo considero una ''anteprima''. L'inizio di un lungo percorso. Intanto ho iniziato a scrivere un secondo libro e non penso a cosa mi riserverà il futuro, io guardo il presente”.

130_solazzo.jpg080_rosetta.jpg110_deplint.jpg160_mq.jpg070_annaluce.jpg030_ortokinesis.jpg100_vetrugno.jpg090_liaci.jpg170_pneumatic.jpg