Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 18 Luglio 2019
030_solazzo.jpg040_compasso.jpg010_bluesea.jpg120_duesse.jpg045_vcn.jpg020_idrovelox.jpg135_pati.jpg180_winet.jpg140_lapineta.jpg
Furia si abbatte sui consiglieri maglianesi: "Dimettetevi"

Furia si abbatte sui consiglieri maglianesi: "Dimettetevi"

In merito all'articolo del 14 giugno c.m., pubblicato su vivicittanews.it, denominato “Lavori in corso a Carmiano e Magliano” per il rifacimento del manto stradale, non posso fare a meno di ossevare, da cittadino maglianese prima che come coordinatore di partito, una profonda differenza di trattamento nella ripartizione dei fondi, stanziati dal governo centrale, che il Comune di Carmiano ha destinato al rifacimento del manto stradale nella frazione di Magliano.

Noto che solo via XXIV Maggio è ubicata sul suolo maglianese, in un rapporto di una via su otto. Facendo una rapida operazione matematica, possiamo affermare che il 90% dei fondi è stato destinato al comune di Carmiano mentre solo il 10% nella frazione di Magliano. In merito a questa ripartizione, da cittadino e rappresentante di partito, senza voler essere capzioso e senza polemica alcuna, vorrei porre tre quesiti all'amministrazione comunale:

1 Chi e secondo quale metro di misura ha ritenuto utile intervenire per il 90% dei fondi sul suolo di Carmiano e solo per il 10% su quello di Magliano?

2 secondo quale criterio su tutta la rete stradale maglianese proprio via XXIV Maggio è stata ritenuta la via più importante su cui intervenire?

3 considerando la presenza nel consiglio comunale, di rappresentati maglianesi eletti per rappresentare al meglio Magliano, mi chiedo se alla luce dei risultati non ottenuti sia più idoneo continuare su questa via o rassegnare delle più dignitose dimissioni.

Concludendo ed augurando a tutti buon lavoro,  auspico che le prossime decisioni in merito alla ripartizione di fondi ed interventi sul territori, siano animate oltre da una gerarchia d'importanza, anche da un reale concetto di equità tra comune e frazione.

Marco Furia - Coordinatore provinciale dei popolari per l'Italia

130_solazzo.jpg090_liaci.jpg080_rosetta.jpg110_deplint.jpg160_mq.jpg170_pneumatic.jpg100_vetrugno.jpg030_ortokinesis.jpg070_annaluce.jpg