Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Domenica, 09 Agosto 2020
010_bluesea.jpg120_duesse.jpg045_vcn.jpg040_compasso.jpg180_winet.jpg020_idrovelox.jpg030_solazzo.jpg
Velodromo degli Ulivi: Trevisi (M5S) scrive all’amministrazione comunale di Monteroni

Velodromo degli Ulivi: Trevisi (M5S) scrive all’amministrazione comunale di Monteroni

Il consigliere del M5S Antonio Trevisi ha inviato una lettera all’amministrazione comunale di Monteroni per conoscere i motivi del mancato avvio dei lavori di ristrutturazione del Velodromo degli Ulivi, che da anni versa in stato di abbandono

“Il Velodromo degli Ulivi di Monteroni - spiega Trevisi - ha ospitato le Olimpiadi del ciclismo del 1976 ed è stato sede di numerose manifestazioni nazionali ed internazionali di ciclismo su pista. Su quella pista, che oggi versa in uno stato di assoluto degrado, Francesco Moser ha ottenuto la medaglia d’oro ai Campionati del Mondo di Ciclismo”.

Nel 2017 la Provincia di Lecce ha assegnato l’appalto per la ristrutturazione parziale della grande struttura sportiva per un importo dei lavori di 964 mila euro. Dopo l’esclusione del primo aggiudicatario, il cantiere è passato nelle mani della ditta Rizzo Luigi di Martignano. Ai fini di una ristrutturazione completa dell’immobile e del parco intorno alla pista, il Comune di Monteroni oltre ad impegnarsi al cofinanziamento dell’opera per 900mila euro, aveva richiesto al CONI ulteriori 750mila euro.

“Ad oggi - continua Trevisi - tuttavia non è stato realizzato alcun intervento. La mancata inibizione dell’area consente a tutti il libero accesso e purtroppo in tanti ne approfittano per abbandonare rifiuti e danneggiare ciò che resta della struttura. Una situazione pericolosa anche per l’incolumità dei cittadini. Per questo - conclude il pentastellato - ho chiesto all’Amministrazione di impedire, attraverso l’apposita segnaletica e l’installazione di una recinzione, l’accesso alla struttura, provvedendo contestualmente alla pulizia dell’intera area.”

100_vetrugno.jpg130_solazzo.jpg030_ortokinesis.jpg170_pneumatic.jpg080_rosetta.jpg070_annaluce.jpg090_liaci.jpg110_deplint.jpg