Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 18 Luglio 2019
180_winet.jpg030_solazzo.jpg020_idrovelox.jpg140_lapineta.jpg045_vcn.jpg135_pati.jpg010_bluesea.jpg120_duesse.jpg040_compasso.jpg
GOT: “leggera come Arya”

GOT: “leggera come Arya”

Stasera alle 21.15, come ogni lunedì, sarà in onda su Sky Atlantic la versione in italiano del terzo episodio di GOT. A seguire, verrà proiettata la quarta puntata, in lingua originale, della serie più vista e commentata di sempre. Nell’attesa vi proponiamo alcune riflessioni.

Nomen omen dicevano i latini e mai affermazione fu più veritiera. Arya: alla leggerezza sono affidate le sorti del mondo. Niente clichè, dunque! Noi aspettavamo che Jon Snow facesse quello che secoli di letteratura ci hanno insegnato ma Benioff e Weiss ci hanno letteralmente gabbati. Arya è l’eroe di Grande Inverno: una piccola donna, uno scricciolo con un temperamento e una forza di volontà che smuovono le montagne. Del resto (a molti è sfuggito) gli sceneggiatori avevano disseminato d’indizi le varie stagioni; ciò non toglie, però, che questa evoluzione del racconto al femminile sia una delle sorprese più esaltanti dell’intera serie.

Sin dal suo primo esordio, Arya si è imposta al pubblico come “versione differente”, un altro modo di essere femmina, in un contesto in cui il potere è decisamente maschio. Arco e frecce, incompatibilità con la sorella Sansa (troppo frivola e superficiale per i suoi gusti), ammirazione per il fratellastro Jon, amore smisurato per il padre Ned, passione per le armi e i combattimenti, Arya racconta una sua storia originale sin da subito. L’evoluzione del personaggio, all’interno del suo arco narrativo è avvincente, emozionante; ci porta lontano dallo sciabordio delle gonnelle e dal frigno delle donzelle e ci proietta in una dimensione da romanzo di formazione estremamente moderno. Arya è un’assassina, sì! Ma nella costruzione di questi personaggi, così come lo stesso Martin ha più volte affermato, gli elementi della tragedia classica, costituiscono un modello, tutt’altro che secondario. A me personalmente, la sua storia richiama alla mente quella di Edmond Dantès, nel Conte di Montecristo. Ci leggo tante analogie ed è forse perché ho amato questo romanzo, che sin dalle sue prime avventure, mi sono affezionata a questa ragazzina con un taglio di capelli da maschiaccio.

Detto ciò, siamo già arrivati al giro di boa. Chiusa la questione Night King, (le speculazioni pro e contro le lascio agli youtubers) la domanda nasce spontanea: riusciranno i nostri produttori a tenerci ancora incollati allo schermo per le prossime tre puntate? Ai posteri l’ardua sentenza!

Emanuela D'Arpa

170_pneumatic.jpg070_annaluce.jpg130_solazzo.jpg030_ortokinesis.jpg100_vetrugno.jpg080_rosetta.jpg110_deplint.jpg160_mq.jpg090_liaci.jpg