Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Domenica, 09 Agosto 2020
045_vcn.jpg010_bluesea.jpg020_idrovelox.jpg120_duesse.jpg180_winet.jpg040_compasso.jpg030_solazzo.jpg
Cinquantaquattro disegni per "esorcizzare" il coronavirus. L'iniziativa social di Mary Urso

Cinquantaquattro disegni per "esorcizzare" il coronavirus. L'iniziativa social di Mary Urso

L’arte per "combattere" il coronavirus e ridurre le distanze umane in queste lunghe settimane segnate dall’emergenza sanitaria. Mary Urso, 26enne, artista leccese e carmianese d’adozione, ha voluto così condividere la sua passione pubblicando sui social, ogni giorno ininterrottamente dal 10 marzo, un disegno per sognare, gioire, riflettere, “sentirsi meno sola e far sentire tutti meno soli” in questo periodo.

Cinquantaquattro disegni e una lettera, quella di oggi, in cui Mary racconta la sua iniziativa partita da lontano e che oggi giunge al termine volgendo il pensiero alla fase2. “Quanto sembra distante quella data. Quante cose sono cambiate e quante rimaste invariate. Quanti sono stati i giorni difficili, tristi, quelli che sembravano durare 48 ore. Domani però – scrive Mary sui social - non finirà questa guerra, sarà solo una delle tante battaglie che, forse, abbiamo vinto. Spero che ognuno di noi ringrazi Dio per non esser stato infettato in questi mesi e capisca l'importanza che ha il non dover essere infettati nei prossimi di mesi, quelli cruciali. Siate responsabili, affinché tutti i nostri sacrifici non siano stati vani.

L’esperienza #unoalgiorno – prosegue la giovane artista leccese - giunge al termine, sperando di non dover più tornare, sperando non ci sia più bisogno di starci "accanto" in questo modo, sperando che possiate apprezzare la mia "dote" in altre circostanze. Grazie immensamente a chi mi ha seguita ogni giorno, supportata e, perché no, sopportata. Grazie perché vi ho sentiti lontanamente vicini a me. Da domani tornerò alla mia quotidianità "quasi" normale. Ritornerò a vedere quelle poche persone fondamentali della mia vita, ma nel loro e nel mio rispetto. Perché questo virus – conclude Mary Urso - una cosa me l'ha insegnata: voler bene al prossimo più che a se stessi, proteggersi per proteggere chi amiamo.

I 54 disegni sono visibili sulla pagina facebook https://www.facebook.com/mary.urso.makeda/

130_solazzo.jpg110_deplint.jpg080_rosetta.jpg170_pneumatic.jpg030_ortokinesis.jpg090_liaci.jpg100_vetrugno.jpg070_annaluce.jpg