Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 18 Luglio 2019
020_idrovelox.jpg010_bluesea.jpg030_solazzo.jpg135_pati.jpg120_duesse.jpg040_compasso.jpg045_vcn.jpg180_winet.jpg140_lapineta.jpg
Due carmianesi campioni al FantaMagic

Due carmianesi campioni al FantaMagic

Due carmianesi primi classificati al Fantacalcio della Gazzetta dello sport.

Roberto Petrelli e Stefano Petrelli sono i fortunati e bravi “fantallenatori” campioni del famoso gioco basato sui risultati della SerieA di calcio, ideato dalla “rosa”. La squadra “Coppa 67” gestita da Roberto e Stefano, in collaborazione con Marco Redavid di Lecce, ha conquistato il primo posto ex aequo, coincidenza mai avvenuta prima, con la formazione guidata dal napoletano Luca Milo. Per i tre salentini, grande soddisfazione ed una auto in premio, del valore di 15mila euro.

“E’ stata una sfida avvincente, che portiamo avanti da diversi anni, come una vera squadra. Ad inizio torneo, abbiamo investito su più formazioni, poi da marzo/aprile, visto il buon parziale in classifica, ci siamo focalizzati solo sulla gestione di Coppa 67 – racconta il capitano del team, Roberto Petrelli. Sino alla fine è stato divertente ed emozionante, abbiamo vinto diversi premi intermedi, ma proprio all’ultima giornata, quando tutto sembrava perduto, con la doppietta di Kessie e l’ottima prestazione di Handanovic ci siamo ritrovati in vetta”.

Un successo però, che i tre salentini hanno dovuto condividere con un altro concorrente. “Portiamo a casa il trofeo più importante. Peccato invece per il primo premio. Da regolamento, a parità di piazzamento, vince chi si è iscritto per primo. Noi abbiamo registrato la formazione qualche ora dopo Luca Milo, e la Jaguar ha preso un’altra direzione. Siamo comunque soddisfatti del risultato e l’anno prossimo ci riproveremo con maggiore grinta. Ora riposo e una sola importante dedica per questo premio. Al mio caro amico Simone prematuramente scomparso, con lui sono nate le prime appassionanti sfide al fantacalcio” – conclude Petrelli.

110_deplint.jpg160_mq.jpg070_annaluce.jpg030_ortokinesis.jpg080_rosetta.jpg130_solazzo.jpg100_vetrugno.jpg170_pneumatic.jpg090_liaci.jpg