Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 17 Ottobre 2019
140_lapineta.jpg010_bluesea.jpg180_winet.jpg040_compasso.jpg045_vcn.jpg030_solazzo.jpg120_duesse.jpg020_idrovelox.jpg

L’attuale e delicato tema della psiconcologia entra nelle scuole con l’incontro di sensibilizzazione sulle problematiche psicologiche e sociali del paziente oncologico e dei suoi familiari.

Presenti al convegno, organizzato ieri pomeriggio presso il Liceo Scientifico “Banzi” di Lecce, la dirigente scolastica Antonella Manca, medici ed esperti della Psiconcologia GVM - Città di Lecce Hospital, Luigi Manca e Maria Antonietta Berio e alcuni pazienti che hanno raccontato la propria esperienza. “L’incontro rivolto ai ragazzi e ai genitori – spiega la dottoressa Maria Antonietta Berio, psiconcologa di Città di Lecce Hospital – ha avuto l’obiettivo di informare sui servizi di psiconcologia presenti sul territorio e promuovere una cultura di “richiesta di aiuto psicologico” per pazienti e familiari che vivono la dolorosa esperienza”.

La patologia oncologica rappresenta un evento che investe tutte le dimensioni della persona, dalla sfera fisica a quella psicologica, i rapporti interpersonali e sociali. La valutazione della risposta emozionale del paziente e dei suoi familiari, rappresenta quindi il presupposto per un’umanizzazione della cura che guarda alla persona nella sua globalità. Ricerche scientifiche recenti dimostrano infatti che interventi psicologici e sociali nei reparti oncologici migliorano dal 10% al 25% la qualità della vita dei pazienti e di conseguenza anche la loro “compliance”, ovvero la capacità di aderire alle cure. Più è efficace la terapia e più aumentano i livelli di sopravvivenza.

Published in Attualità

Il dirigente scolastico Mino Rollo, dopo una lunga e apprezzata carriera lavorativa, va in pensione. Saluta tutti e si prepara a vivere una nuova fase della propria vita, fatta di affetti, passioni e viaggi. Rollo, autore del libro “Fiori di Cefalonia”, nell’anno scolastico 2012-2013 è stato anche preside dell’istituto professionale “Redi” di Carmiano.

“Mille sentimenti contrastanti, mille pensieri, mille ricordi. Scendere dalla nave dopo una lunghissima navigazione è davvero difficile – scrive del posto di saluto Mino Rollo. Pensi di non arrivarci ma poi il tempo scandisce le sue regole ed i suoi ritmi. La scuola mi ha dato tanto, soprattutto nell'incontro con gli ultimi, i più deboli, con coloro che avevano bisogno anche di un piccolo segno di attenzione, un sorriso, una carezza. Ho cercato fino all'ultimo di rispettare le regole ma, soprattutto, la dignità di tutti. E' stato un lavoro difficile, quello del Dirigente Scolastico. Tutto ricade su di te. Spesso solo davanti a situazioni e soluzioni difficili ma con la convinzione di poter affrontare i problemi con cuore e cervello ed un pizzico di esperienza. E' stato dunque un impegno serio, complesso, ma entusiasmante. In questo momento viaggiano velocemente i ricordi, ed allora rivedi i tuoi attuali ed ex collaboratori sempre pronti a dare, generosamente, il proprio contributo. Rivedi i tuoi ex DSGA, come Roberto Ancora e Massimo Capone, veri fari lungo un cammino impervio e spesso carico di ostacoli. Ringrazio tutti, i miei ex docenti del mio primo Istituto da Dirigente, l'ex Comprensivo 1 di Gallipoli, quelli dell'attuale Comprensivo di Squinzano, del Liceo Scientifico "Redi", dell'I.T. Commerciale di Campi e del Professionale di Carmiano. Un saluto particolare a tutto il Comprensivo "Geremia Re" ed a tutta la comunità di Leverano, che mi ha accolto facendomi sentire, fin dall'inizio, tre anni fa, a casa mia. Un augurio particolare alla neo Dirigente Scolastica, dott.ssa Antonella Cazzato, che saprà guidare con dedizione e saggezza l’istituto”.

Famiglia e passioni nel futuro di Mino Rollo, con un’unica rinuncia: la politica, definita come un capitolo chiuso. “Ed ora, appendo al chiodo il mio amato lavoro perché mi aspettano loro, i miei adorati nipotini, la mia campagna, ma anche la musica, i prossimi romanzi e, sicuramente, tanti momenti insieme alla mia compagna di sempre, mia moglie”.

Published in Rubriche

L’arte del tango trasmessa agli alunni della scuola primaria di Carmiano e Magliano.

Un progetto artistico nuovo, con finalità educative, ha interessato nelle scorse settimane ragazzi e insegnanti dell’istituto comprensivo musicale “Zimbalo” e i maestri tangheri Teresa Fina e Antonio Di Summa dell’Alma Tango Salento. Musica, spettacolo e sublime armonia nelle movenze dei piccoli ballerini, sulle note di “Bahìa Blanca” di Carlos Di Sarli e di “Santa Marie del Buen Ayre” dei Gotan Project, hanno emozionato i presenti nell’esibizione andata in scena al cineteatro “F.lli Lumière”.

L’iniziativa, che ha visto la partecipazione anche della giovanissima e apprezzata violinista Martina Lauretti, è stata fortemente voluta dal vicesindaco Cosimo Petrelli e condivisa dalla dirigente Maria Rosa Rizzo.

 

Published in Eventi
Mercoledì, 05 Giugno 2019 13:55

"Insieme in concerto" ai Teatini di Lecce

“Insieme in…concerto” oggi alle ore 19 presso il Chiostro dell’Ex Convento dei Teatini a Lecce. Un’orchestra d’eccellenza, diretta dal Maestro Paolo Ferulli, docente del Conservatorio T. Schipa, composta da oltre 100 studenti, per la 6^ edizione della kermesse canora che vede l’Istituto Comprensivo “Zimbalo” di Carmiano come scuola capofila, nelle personalità del Dirigente Scolastico, prof.ssa Maria Rosa Rizzo, e del Direttore Artistico della manifestazione, prof. Raffaele Lattante.

La conduzione della serata sarà curata della prof.ssa Loredana Persano.

La manifestazione nasce grazie alla volontà di diverse scuole di collaborare per l’attuazione di iniziative comuni di progettazione didattica, per la creazione di sinergie e scambi di informazioni al fine di ampliare il piano dell´offerta formativa musicale e per l’istituzione di un grande gruppo corale e orchestrale che si impegni in importanti manifestazioni a carattere artistico – musicale.

L’intesa di rete vede la partecipazione di numerose altre scuole: l’Istituto Comprensivo Calimera, l’Istituto Comprensivo Galatone Polo 1, l’Istituto Comprensivo Gallipoli Polo 2, l’Istituto Comprensivo Gallipoli Polo 3, l’ Istituto Comprensivo Leverano Polo 1, l’ Istituto Comprensivo Leverano Polo 2, l’Istituto Comprensivo Salice Salentino, l’Istituto Comprensivo Scorrano, l’ Istituto Comprensivo Lizzanello, l’Istituto Comprensivo Surbo, l’Istituto Comprensivo Trepuzzi Polo 2, l’Istituto Comprensivo Veglie Polo 1, il Liceo Pietro Siciliani (Lecce), il Liceo Artistico – Coreutico “Ciardo- Pellegrino” (Lecce), il Liceo Classico- Musicale “G. Palmieri” (Lecce) con la collaborazione del Conservatorio Musicale “T. Schipa”. L’accordo tra i vari istituti si ripropone fra le diverse finalità quella di valorizzare le risorse professionali e realizzare progetti e iniziative didattiche,educative,culturali di interesse territoriale, di ricerca, di sperimentazione e sviluppo nell’ambito musicale, produrre e diffondere la cultura musicale sul territorio, consolidare i processi formativi anche per favorire una naturale prosecuzione degli studi musicali per quei ragazzi che dimostrino particolari attitudini e predisposizioni.

Published in Eventi
Venerdì, 31 Maggio 2019 23:28

Andrea Putignano eletto baby sindaco

Andrea Putignano, studente 12enne, della scuola secondaria di primo grado di Magliano è il nuovo sindaco dei ragazzi eletto dalla comunità studentesca dell’istituto comprensivo “Zimbalo” di Carmiano e Magliano.

Il neo primo cittadino “baby”, frequentante la prima media sez.AM, ha ottenuto dai suoi compagni 173 preferenze, superando nell’ordine gli sfidanti Emma Rotondo, seconda con 144 voti, Davide Sozzo, terzo a quota 111 consensi, Gaia D’Agostino, Francesco Petrelli e Samuele Maggio. Al voto, in una giornata rivelatasi per tutti una festa e un sano quanto educativo momento di legalità e partecipazione civica hanno preso parte gli oltre 600 alunni dei quattro plessi scolastici del territorio.

Una campagna elettorale vera e propria ha scandito gli ultimi giorni a scuola dei baby candidati. I sei ragazzi hanno primo presentato il loro programma elettorale a tutti i compagni e poi ieri mattina, aiutati dalle docenti e dal personale scolastico hanno dato vita alla giornata di voto, svolgendo in prima persona tutte le comuni operazioni elettorali. A urne chiuse si è proceduto allo spoglio delle schede, che ha decretato vincitore Andrea Putignano. La proclamazione con consegna della fascia tricolore al baby sindaco, tra l’acclamazione dei suoi compagni, è stata eseguita dal primo cittadino di Carmiano, Giancarlo Mazzotta e dalla dirigente scolastica Maria Rosa Rizzo.

Emozionato, incredulo ma felice del risultato raggiunto, Andrea Putignano si è detto pronto ad impegnarsi da subito per ripagare la fiducia che i compagni hanno riposto in lui. Tra i punti salienti del suo programma: banchi e sedie nuove, sale computer nei vari plessi scolastici, armadietti per custodire libri e oggetti personali, distributori di cibi sani, creare delle biblioteche di classe e attrezzare l’area giochi del parco della musica.

“Per i ragazzi è stata un’esperienza straordinaria di socialità, didattica, educazione civica e partecipazione attiva alla vita democratica del paese e delle istituzioni – afferma il sindaco Giancarlo Mazzotta. Gli studenti attraverso le proposte di governo hanno avuto modo di confrontarsi dando vita ad una competizione elettorale appassionata, leale e rispettosa di tutti. Complimenti al neo baby sindaco Andrea Putignano e a tutti i 24 eletti in consiglio. L’amministrazione e le istituzioni scolastiche saranno al loro fianco in questo cammino e insieme lavoreremo per attuare i grandi progetti a misura di ragazzo presenti nei loro programmi”.

Published in Attualità

Gli alunni delle classi 3C e 3D, dell’istituto comprensivo “Zimbalo” di Carmiano guidato dalla dirigente Maria Rosa Rizzo, accompagnati dagli insegnanti Anna Maria Perrone, Antonio Bergamo, Simona Gubello, Valeria Pennetta, Katia Paladini e Anna Maria Spedicato, si ritrovano oggi all e 18 al cineteatro Fratelli Lumière per il “progetto lettura” del testo su integrazione e multietnicità “L’immigrazione spiegata ai bambini. Il viaggio di Amal” scritto da Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso. La distanza con gli autori si annulleranno grazie all’intervista live attraverso Skype.

Il libro è un fresco e vivace racconto rivolto ai bambini che utilizza la metafora del viaggio di quattro simpaticissimi animali, spaventati e confusi eppure fiduciosi, che accompagnano i loro padroni, per raccontare il viaggio attraverso il Mediterraneo, ai piccoli lettori, semplici e innocenti come loro. Il delicato tema della multietnicità sarà sottolineato da canti e balli a cura della maestra Fiorella Colonna.

L’iniziativa didattica “Un libro per conoscere, scoprire, aprirsi all’altro” in collaborazione con l'assessorato alla cultura di Carmiano, rientra inoltre nel più ampio quadro nazionale e comunale del “Maggio dei Libri”, che sottolinea il valore della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile.

Published in Attualità

Tre serate all’insegna dell’arte e della cultura quelle che hanno visto come protagonisti sul palco del cineteatro “Fratelli Lumière” i bambini della 3A e della 3B della scuola primaria “A. Lecciso” di Carmiano dell’Istituto Comprensivo ad Indirizzo Musicale “G. Zimbalo”.

La prima sera, il 16 maggio destinata al progetto Un mondo di note”, i piccoli cantanti, con voci e cuori all’unisono, hanno accompagnato il pubblico lungo un percorso espressivo non di sole note musicali, ma di avvicinamento a tradizioni e culture diverse. La musica interpretata e vissuta come strumento di abbattimento delle barriere culturali, di accoglimento delle differenze che, al contrario, uniscono. I bambini, magistralmente guidati dalla maestra Lucia Santoro, hanno saputo trasmetterci questo messaggio, interpretandolo come nessun altro avrebbe mai potuto fare. Stringendosi per mano, con la naturalezza e la spontaneità che li contraddistingue, ed unendo le loro voci, hanno voluto dimostrarci che i legami tra le persone nascono e si rafforzano sulla strada dell’integrazione e dell’inclusione sociale.

Lo spettacolo è stato accompagnato da una serie di immagini colorate e a tema: bandiere di ogni nazionalità distribuite sullo scena e una cartina geografica stampata sulle magliettine da loro indossate e riprodotta sullo sfondo hanno efficacemente rappresentato quel “mondo di note” che vorremmo, ove i popoli possano avvicinarsi anche attraverso l’arte.

Il 17 ed il 18 maggio, sotto la guida eccellente della maestra Lucia Puscio, i bambini hanno invece portato in scena, in veste di capacissimi attori, uno dei romanzi storici più importanti del panorama della letteratura classica italiana: “I Promessi sposi”. Tale rappresentazione, relativa al progetto Renzo e Lucia, migranti di ieri e di oggi”, ha inteso dare concretezza al progetto lettura realizzato lo scorso anno scolastico con lo scopo di avvicinare i piccoli lettori ai grandi classici della letteratura italiana che, a prescindere dal trascorrere del tempo, riescono a mantenere inalterata la loro attualità e freschezza, così come la loro carica emotiva.

La scena centrale dello spettacolo è stata l’ “Addio ai monti”: “mala cosa nascer povero”, mala sorte dover mettere il proprio passato in una sacca per poi andare via di corsa su una barca, mormorando un sofferto “addio” mentre il dolore rimbomba in ogni ansa, cresce con la progressiva distanza dalla casa natìa, si alimenta con il timore di non poter più fare ritorno nella propria terra.

I piccoli attori sono chiamati ad interpretare e reinventare la storia raccontata da Manzoni, a rappresentare  Renzo e Lucia come migranti di ieri e di oggi, a illuminare sotto una nuova luce una delle pagine più grandiose della letteratura mondiale, una pagina che ci offre l’occasione di affrontare - con profondità d’animo - il tema dei flussi migratori e della carica drammatica che essi si portano dietro. Questo stupendo brano, infatti, unisce tutta la potenza del suo alto lirismo con l’attualità di una tematica che ci scuote e colpisce.

Il pubblico, posto dinanzi ad una scenografia di grande impatto visivo è stato così letteralmente traghettato in un’epoca storica cronologicamente lontana ma a noi ancora tanto vicina.

I piccoli protagonisti, con i loro bellissimi costumi, hanno saputo reintepretare, con grande bravura, una storia quanto mai attuale che, incentrata sulla continua contrapposizione tra bene e male, ci induce a maggiore riflessione sulle tematiche dei flussi migratori.
La musica, sempre al centro della scena, ha perfettamente cucito le immagini dei piccoli attori che ci hanno raccontato, con la recitazione e con la danza, sia il dolore umano dell’ “Addio ai monti” con la scena di grande impatto emotivo dell’abbraccio senza tempo tra Lucia ed Agnese; sia la gioia del superamento di tutti i dolori e le difficoltà della vita, nel momento in cui Renzo e Lucia possono finalmente coronare il proprio sogno d’amore.

Uno spettacolo incalzante, in cui la bravura degli interpreti ha saputo convogliare l’attenzione dello spettatore sul messaggio conclusivo, quello della speranza che induce l’animo umano a non desistere e a guardare al futuro con maggiore positività. La scelta dello spettacolo teatrale è stata motivata dal bisogno  di costruire percorsi didattici che favoriscano lo sviluppo della creatività, al fine di rendere la scuola un ambiente autenticamente produttivo, capace di stimolare gli alunni, le loro energie, le loro potenzialità ed i loro talenti personali.

Fare teatro a scuola, trasformando l’aula in un setting teatrale, significa mirare ad un percorso di crescita innovativo ed alternativo rispetto all’insegnamento tradizionale, significa favorire le interazioni e gli scambi tra alunni e docenti, offrire ai primi esperienze significative sul piano cognitivo, affettivo, emotivo, interpersonale e sociale. Alla luce di tutto, come genitori, siamo lieti di porgere i nostri più sentiti ringraziamenti alle insegnanti, Maria Lucia Santoro e Maria Lucia Puscio, guide insostituibile nella crescita dei nostri figli, per i loro rispettivi progetti, alla maestra di danza Ninfa Fersini e alla sua collaboratrice maestra Elisabetta Centonze, oltre che a tutti coloro che, a vario titolo e mettendo a disposizione le proprie competenze, hanno consentito l’impeccabile realizzazione di questo meraviglioso spettacolo.

Published in Eventi
Venerdì, 17 Maggio 2019 18:59

Noi cittadini del mondo tra musica e cultura

Emozioni tra musica e folklore al cineteatro “F.lli Lumière” per gli spettacoli di fine anno scolastico organizzati dalla classi 3a e 3b della scuola primaria “Lecciso” di Carmiano. In una sala gremita, presenti la dirigente scolastica Maria Rosa Rizzo, la fiduciaria di plesso Antonella Fiore, tantissimi genitori e l’assessore alla cultura Stefania Arnesano.

Ieri sera gli alunni delle due classi, accompagnati dalla maestra Lucia Santoro, hanno portato in scena “Un mondo di note”. Oggi alle 19.30 si alzerà invece il sipario su “Renzo e Lucia: migranti di ieri e di oggi” con protagonista la 3a. Domani alla stessa ora sarà il turno della sezione 3b. Entrambe l’esibizioni sono guidate dalla maestra Lucia Puscio. La kermesse rientra nel progetto didattico “Noi cittadini del mondo: culture a confronto”.

Published in Eventi

A lezione con la campionessa del mondo Nicole Orlando, per la presentazione del libro “Vietato dire non ce la faccio”.

L’autrice, atleta paralimpica, incontra domattina a Carmiano, presso il cineteatro “F.lli Lumière” gli studenti della scuola media dell'Istituto comprensivo “Zimbalo”, nella kermesse letteraria organizzata dall'assessorato alla cultura guidato da Stefania Arnesano.

Una storia incalzante e travolgente, scritta con la giornalista Alessia Cruciani, ma raccontata in prima persona da Nicole. Una narrazione in cui emergono il coraggio e la determinazione della famiglia Orlando e soprattutto di Nicole, campionessa speciale menzionata come esempio di vita dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, che mette l’anima in tutto quello che fa, da imparare ad allacciarsi le scarpe sino a registrare record sportivi e vincere la medaglia d’oro ai mondiali di atletica leggera per atleti con sindrome di Down, svoltisi in Sudafrica nel 2015.

Published in Eventi

“Strumenti informatici a tutela dei minori - Pro e contro della videosorveglianza negli ambienti scolastici” se ne discute oggi alle 17.30 nella sala consigliare del comune di Carmiano.

L’assemblea cittadina, organizzata da “progetto Agorà”, ha l’obiettivo di promuovere il confronto e invogliare i cittadini ad esprimere il proprio punto di vista sulla tematica della videosorveglianza nelle strutture scolastiche.

Published in Attualità
Pagina 1 di 3
170_pneumatic.jpg130_solazzo.jpg070_annaluce.jpg110_deplint.jpg090_liaci.jpg080_rosetta.jpg160_mq.jpg030_ortokinesis.jpg100_vetrugno.jpg