Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 20 Aprile 2024
220_liaci.jpg020_idrovelox50.jpg010_bluesea.jpg040_compasso.jpg025_radallarm.jpg210_mondofiori.jpg200_carrozzo.jpg180_winet.jpg205_martena.jpg
"We are Sinners": il drink nato a Carmiano per celebrare il campione del tennis

"We are Sinners": il drink nato a Carmiano per celebrare il campione del tennis

Entusiasmo alle stelle in Italia per Jannik Sinner dopo il successo storico agli Australian Open e così nella gioia dilagante, dal Salento arriva il cocktail dedicato al campione del tennis. Si chiama “We Are Sinners” il drink ideato dal barman salentino, il carmianese Danilo De Rinaldis, per omaggiare la vittoria nel trofeo internazionale del tennista italiano che ha sedotto con i suoi colpi anche il mondo della mixology. Ne è nato quindi un cocktail dal colore arancione scuro, tonalità inevitabili quando si parla di Sinner, raffinato ma vivace, forte di quei valori di sport e senso di comunità che il giovane altoatesino è riuscito a trasmettere in tutta la nazione con il suo talento e la sua inarrestabile ascesa sul campo del “Rod Laver Arena” di Melbourne, nella finale vinta in rimonta per 3 a 2 contro il russo Medvedev, che ha regalato un successo italiano che mancava da 48 anni, dai tempi di Adriano Panatta, nei tornei del Grande Slam.
Protagonista del drink è il Black Sinner, mixato con gin, lime, sciroppo e zenzero. In particolare, il Black Sinner, ultima creazione del campione internazionale Bruno Vanzan, è un liquore al caffè distribuito in Italia da Anthology by Mavolo, completamente naturale, risultato di una selezione accurata di due pregiate monorigini arabica, l'Etiopico Sidamo e il Colombiano Superiore. I chicchi sono tostati delicatamente e macinati manualmente secondo la tradizione italiana per assicurare un gusto unico e una consistenza impeccabile. Dalla gioia sul campo alla fantasia divenuta realtà del barman salentino, il passo è stato breve. «Il nome del liquore al caffè ha sollecitato la mia inventiva sin dal primo successo in Coppa Davis di Sinner – afferma De Rinaldis – poi con l’entusiasmante cammino compiuto agli Australian Open, sostenuto Bruno Vanzan e Adriano Costigliola ho preso la decisione di realizzare il cocktail da dedicare al tennista italiano in caso di vittoria finale. Il suo successo travolgente ci ha fatto sentire un po' tutti Sinner, e così è nato anche il nome del drink». Nessun mistero nella ricetta e preparazione degli ingredienti per arrivare al “We Are Sinners”. «Gli ingredienti – spiega Danilo De Rinaldis - sono stati selezionati per rappresentare il carattere distintivo del tennista Sinner, il gusto unico e l’energia della sua rincorsa sino al trionfo agli Australian Open. Il Black Sinner simboleggia la determinazione e la forza, mentre il gin London dry prodotto in loco, dalla distilleria “Gecogin”, aggiunge una nota di raffinatezza e freschezza, riflettendo la giovinezza e la vivacità di Jannik. Il lime e lo sciroppo di cocco conferiscono una freschezza tropicale, richiamando la sua giovinezza e il suo spirito vivace. L’aggiunta di zenzero fresco aggiunge un tocco di piccantezza e vitalità al cocktail, che richiama il dinamismo e la grinta di Sinner sul campo». Un drink di successo senza segreti. «La ricetta – aggiunge il barman - prevede 30 ml di Black Sinner, 30 ml di London dry gin, 20 ml Lime, 15 ml Sciroppo di cocco, 3 pezzi di zenzero fresco, Top black orange. Inserire nello shaker lime, sciroppo e zenzero, pestare tutto insieme con un pestello. Aggiungere il Black Sinner e il gin. Shake and double strain nel tumbler alto full of ice. Chiudere il drink con black orange». Il sogno del barman ora però è far assaggiare il suo cocktail al tennista italiano. «Spero faccia piacere a Sinner questa dedica – conclude De Rinaldis – e se avrà voglia di provarlo, lo aspettiamo in Salento, da Rebis a Carmiano». Un modo, gustoso e inebriante, per continuare a festeggiare l’impresa storica di Sinner agli Australian Open.
 
045_vcn.jpg180_quarta.jpg070_annaluce.jpg030_solazzo.jpg170_pneumatic.jpg030_ortokinesis.jpg025_martena.jpg